Abbordaggio finito male via Messedaglia Torino, nonostante il fascino della divisa, finisce in manette

PoliziaUn uomo di 35 anni, in via Messedaglia, avrebbe cercato di conoscere una ragazza di 25 anni che era in compagnia del suo fidanzato. A causa della sua insistenza, è nata una discussione durante la quale l’uomo ha estratto un porta tesserino con placca ed ha dichiarato di essere un poliziotto.

Secondo quanto spiegato, l’uomo è fuggito quando la donna ha chiamato il 113 fornendo il modello e numero di targa dell’auto. Poco dopo, gli agenti della Squadra Volanti della Polizia di Stato hanno individuato il finto poliziotto in via Pietro Cossa. Quest’ultimo è fuggito nuovamente guidando in contromano e passando con il rosso vari incroci nella zona nord della città.

In base ad una prima ricostruzione, una pattuglia, nel tentativo di bloccare la sua guida estremamente pericolosa, gli ha sbarrato la strada in via Pietro Cossa, ma l’uomo ha speronato violentemente l’autovettura di sevizio ed ha proseguito la fuga a piedi ma è stato bloccato subito dopo. Il cittadino italiano, addosso, aveva un porta tesserino in uso alle Forze di Polizia con dentro una placca di polizia giudiziaria falsa, 1 coltello con lama lunga 8 centimetri e 7 bussolotti in metallo per arma ad aria compressa.

Nell’autovettura, una Citroen C3, sono poi stati trovati una pistola ad aria compressa riproducente un revolver Smith & Wesson, strumenti necessari alla pulizia della canna, un rotolo di nastro telato nero, un berretto di lana celeste con due fori per gli occhi, un paio di occhiali da sole soft-air e 2 bussolotti in metallo per arma ad aria compressa. Inoltre, nell’auto era presente anche una bottiglietta d’acqua modificata per fumare il crack che l’uomo avrebbe ammesso di aver consumato nella mattinata. Nel garage del soggetto è stata rinvenuta anche una cartuccia da caccia calibro 12 per fucile.

Durante l’inseguimento 3 agenti di polizia hanno riportato lievi lesioni. Il trentacinquenne è stato arrestato per i reati di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. e possesso di segni distintivi contraffatti. Inoltre, è stato denunciato per il porto abusivo di arma e per aver omesso di denunciare la detenzione di armi e munizioni.

(m.ramb)