Agguato Musy via Barbaroux Torino, fermato un sospetto

Finalmente una svolta nelle indagini sull’agguato del 21 marzo scorso subito dal Consigliere Comunale dell’UDC Alberto Musy.

 

LA SVOLTA – Secondo quanto riferito dalle Forze dell’Ordine, dopo quasi un anno d’indagini, sarebbe stato fermato un presunto responsabile. Si tratterebbe di un professionista torinese, sospettato per non precisati contrasti di natura politica con Musy.

 

IL LAVORO DEL POLITECNICO – Il caso trova quindi, finalmente, una svolta, sebbene i fatti si siano svolti senza testimoni né prove in grado di facilitare il lavoro degli Inquirenti. Fondamentale in tale senso l’aiuto del Politecnico di Torino, che ha ricostruito nei minimi dettagli la vicenda, analizzandone tutte le possibili variabili.

 

QUEL MOMENTO DELL’AGGUATO – Secondo le ricostruzioni compiute, l’aggressore conosceva bene le abitudini del politico torinese. Inoltre, l’uomo è stato ripreso dalle telecamere con un soprabito nero e un casco integrale. Ha atteso il politico torinese nel cortile della sua casa di via Barbaroux, dove Musy stava tornando dopo aver portato le figlie a scuola, come tutte le mattine. Un breve scambio di parole, poi i colpi di pistola che da dieci mesi a questa parte costringono Alberto Musy in coma, su un letto di ospedale. Forse, almeno una risposta non tarderà ad arrivare.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

No Tav, spedite lettere minatorie al sindaco di Susa, di Chiomonte e alla presidente di Ascom Susa

Scomparso studente universitario Torino, chi ha visto Daniele Giovanni Mancuso?

Geometra ucciso Vallanzengo Biella, 5 colpi di pistola per 33mila euro

Donna uccisa a Vercelli, il marito confessa ma le indagini sono ancora aperte

Lite tra automobilisti, dagli insulti si passa alle mani

 

Di Redazione