Apertura Europa Unita Grugliasco, al via il piano di riorganizzazione delle scuole

Tante novità per le scuole cittadine con un grande investimento per maggiore sicurezza e modernità

FirmaParte dall’apertura dell’Europa Unita, che avverrà in settembre, il piano di riorganizzazione, manutenzione e accorpamento delle scuole cittadine che, nel complesso vedrà una riduzione dei plessi scolastici ma scuole più moderne, sicure e meno costose.
L’Europa Unita, infatti, con un investimento effettuato di 5,7 milioni di euro e una capienza di circa 400 studenti, accoglierà gli allievi della Gramsci e dell’Europa Unita stessa. Non appena l’edificio della Gramsci sarà libero da alunni partiranno i lavori su questa struttura per altri 5,7 milioni di euro con fondi Inail per trasformarlo in due scuole: l’elementare Ungaretti e la materna Don Milani, che, invece, verranno abbattute.
Nel frattempo sta partendo la progettazione per l’ampliamento della elementare Baracca e per la realizzazione a fianco della nuova materna Casalegno, la cui vecchia sede sarà chiusa. “In tutto opere per quasi 2 milioni di euro – spiegano il sindaco Roberto Montà e il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Luigi Musarò – a cui si aggiungono la rimozione dell’amianto dai tetti delle scuole, i progetti di efficienza energetica e il rifacimento degli impianti elettrici su alcuni edifici scolastici”.
Infine è concluso il cantiere alla elementare Don Caustico con un investimento di 165mila euro, è appaltato quello dell’elementare King per 600 mila euro che comprendono anche l’installazione del fotovoltaico e resta da appaltare quello della materna Luxemburg per 820mila euro.
Foto in evidenza: wikipedia.org