Armi sequestrate Chieri, ritrovato piccolo arsenale con matricola abrasa

manetteI Carabinieri della Compagnia di Chieri, nei giorni scorsi, hanno arrestato due italiani, di 28 e 37 anni, incensurati, abitanti a Chieri, per porto e detenzione di armi.

Durante un  posto di controllo, i predetti, a circa cento metri dai militari, avrebbero parcheggiato il loro mezzo e avrebbero gettato una carabina marca Marlin Firearms, calibro 308 Winchester, con la matricola abrasa e il caricatore inserito, contenente 6 proiettili, munito di silenziatore e ottica di precisione. Inseguiti e fermati dai militari, i due sono stati perquisititi e a casa del 37enne, sarebbero state sequestrate altre armi: 1 fucile Beretta cal. 22, munito di silenziatore e ottica di precisione, e due caricatori,  1 fucile sovrapposto Franchi cal.12, dotato di ottica di precisione,  1 doppietta cal.12,  1 fucile Beretta cal.12 semiautomatico con la canna alterata poiché’ tagliata, 1 fucile sovrapposto Beretta cal.12, 1 cartuccera cal.12, 1 puntatore laser, 43 cartucce cal.12, 46 proiettili cal.308 Winchester, 71 bossoli cal.308 Winchester; 69 bossoli cal. 45 colt; 73 proiettili cal.22. Le armi, tutte con matricola abrasa, sono state sottoposte a sequestro e i due fermato sono stati collocati ai domiciliari.

Il 37 enne avrebbe dichiarato ai Carabinieri e al PM di aver trovato i fucili e le munizioni, in un casolare di proprietà del nonno. Sono in corso verifiche sulle armi per capire da dove arrivino e se siano stare rubate. E accertamenti balistici sulle armi per verificare se siano già state usate, cioè se abbiano già sparato e in quali occasioni. È su questi due aspetti che in queste ore si sta concentrando il lavoro dei Carabinieri. (m.ramb.)

Foto: wikipedia.org