Arrestata banda di finti Carabinieri Carmagnola, beccati per un bancomat rubato

Stando alle primissime informazioni, i due fermati dai Carabinieri, per giustificarsi, hanno parlato di vendite porta a porta.

carabinieriI Carabinieri di Moncalieri hanno arrestato, ieri pomeriggio, la banda dei finti Carabinieri che è ritenuta responsabile di diverse truffe.
Secondo quanto spiegato, avrebbero tentato di truffare quattro persone in giornata a Carmagnola.
In base a quanto appurato, tutto è partito quando i Carabinieri hanno visto una persona sospetta a bordo di una 500, la cui targa era della provincia di Napoli, mentre stava prelevando al bancomat. I militari avrebbero notato che l’uomo che prelevava si sarebbe abbassato la visiera del cappello durante il prelevamento e mentre gli stavano appresso sarebbe pure arrivata la notizia di una denuncia fatta da un’anziano di Carmagnola sul furto del proprio bancomat.
I due, un 36enne ed un 46enne originari della provincia di Napoli, sono stati fermati dopo un breve tentativo di fuga e a bordo dell’auto sono stati trovati dei gioielli, già riconosciuti dalle vittime, e contanti. Stando alle primissime informazioni, i due, per giustificarsi, hanno parlato di vendite porta a porta. Sono stati arrestati per truffa aggravata e utilizzo improprio di carte di credito.
La tecnica della banda era ormai collaudata: Telefonavano a casa delle vittime spacciandosi per Carabinieri per farsi fare dei versamenti per bloccare i verbali di presunti incidenti in cui erano occorsi famigliari o amici.