Arresto Torino, per fuggire prende a pugni un poliziotto

PoliziaL’episodio è avvenuto nella zona di Madonna di Campagna a Torino. Secondo quanto spiegato, un 35enne cittadino marocchino avrebbe bene di fissare appuntamenti per lo scambio della droga, ma una volta incontrati gli acquirenti avrebbe chiesto un passaggio per andare a reperire le dosi.
L’uomo, avrebbe preferito adottare questa tattica probabilmente per evitare che durante un controllo di Polizia potessero trovargli addosso della droga. Gli agenti del Commissariato “Madonna di Campagna”, durante un controllo del territorio, finalizzato alla  prevenzione e repressione dei reati in genere, avrebbero notato tre soggetti, di cui un cittadino extracomunitario, aggirarsi a bordo di una Fiat Punto in via Stradella.
In base a quanto appurato, proprio lì lasciavano il cittadino marocchino, che alla vista degli agenti, si sarebbe allontanato con fare sospetto in direzione opposta alla volante. Cosi i poliziotti insospettiti avrebbero deciso di fermarlo per un controllo, ma con un gesto fulmineo, il 35enne marocchino, avrebbe colpito al petto uno degli operatori riuscendo a guadagnarsi la fuga in Via Chiesa della Salute.
Gli agenti, supportati anche dal personale del Ufficio Prevenzione Generale, sarebbero riusciti a fermare repentinamente il soggetto, rinvenendo in un’aiola adiacente un paio di chiavi di un alloggio e oltre 1100 euro all’interno del portafogli, probabile provento dell’attività illecita. Dai successivi controlli all’interno dell’abitazione del 35enne, irregolare sul territorio nazionale e con numerosi precedenti, sarebbero state rinvenute molteplici quantità di eroina nascoste sia all’interno del locale bagno che nel locale cantina, oltre a diverso materiale per il confezionamento, bilancini di precisione, coltelli e un nuovo i phone 6.
L’uomo, colpito anche da un espulsione Schengen, è stato arrestato per il reato di detenzione di sostanza stupefacente, oltre ad essere denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale e ricettazione.
Foto in evidenza: wikipedia.org