Baristi picchiati bar stazione Moncalieri, non hanno venduto sigarette ad un rom minorenne

Aggressione (archivio)Non danno un pacchetto di sigarette ad un rom visibilmente minorenne e i gestori del bar della stazione vengono pestati da altri nomadi, arrivati poco dopo a vendicare il “torto” subito. A farne le spese un uomo di 74 anni e il nipote di 24, picchiati da almeno tre nomadi e obbligati ad andare all’ospedale Santa Croce per le cure del caso. Se la caveranno in pochi giorni: per il 74enne una prognosi di sei giorni, per il ragazzo, preso maggiormente di mira dal raid punitivo, 15 giorni.

.

I Carabinieri però hanno già provveduto a fermare i presunti responsabili: un 27enne è stato arrestato perchè responsabile di aver infierito sul ragazzo, mentre altri due sono stati denunciati. Avevano tentato la fuga scavalcando le recinzioni della ferrovia, ma i militari non se li sono lasciati sfuggire. Ora gli abitanti del quartiere, stanchi della sempre più massiccia presenza di nomadi, hanno intenzione di scendere in strada organizzando una manifestazione per chiedere più sicurezza.

.

Il fatto è successo nella serata di venerdì. A raccontarlo il padre del ragazzo ferito: “Tutto è cominciato con un litigio tra il secondo dei miei figli e questo ragazzino rom. Voleva le sigarette, ma non gli sono state vendute come prevede la legge, perchè visibilmente minorenne. La sera prima lo stesso aveva sputato addosso a mio figlio mentre passava dal bar. La discussione sembrava finita lì quando il minore aveva deciso di allontanarsi, così non è stato”. Dieci minuti dopo ecco arrivare nel bar gli “amici” del rom: “Saranno stati almeno in cinque o sei – racconta l’uomo –, hanno cominciato a picchiare mio padre e mio figlio, che era corso in soccorso del nonno. Lo hanno lasciato per terra dopo averlo colpito a calci in pancia e facendogli sbattere violentemente la testa. Per fortuna dalla tac fatta poco più tardi al Santa Croce non sono risultati esserci danni gravi. I medici gli hanno prescritto 15 giorni di prognosi”. Dopo che i nomadi si dileguano, arrivano i Carabinieri che raccolgono rilievi e denuncia e avviano le indagini. Che portano poco più tardi ai frutti sperati.

.

La rabbia in città però è tanta. La questione della presenza di tanti rom sul territorio non sta trovando soluzione e ora, dopo quanto successo in stazione, è pronta una manifestazione per alzare la voce sul tema. Una marcia che partirà dal municipio e che arriverà fino in strada Brandina, sede di uno dei campi nomadi della città: “La città continua a vivere nella paura e nell’insicurezza – condanna Arturo Calligaro, Lega Nord -, la presenza dei nomadi è diventata insostenibile. Lo diciamo da anni, cosa deve ancora capitare?”.

.

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Furto auto Torino durante concerto di Vasco, arrestato ladro seriale

Parcheggiatori abusivi e spaccio parco del Valentino Torino: i problemi spiegati dai cittadini a Cronaca Torino

Buche strada dissestata via Don Michele Rua Torino, segnalazione e foto di un residente

Massimiliano Rambaldi