Buche e strada dissestata via Montebello Torino, la testimonianza e la foto di un lettore

Di seguito torniamo ad occuparci di via Montebello con una nuova segnalazione inviata alla Redazione (redazione@cronacatorino.it) riguardante una buca formatasi nell’asfalto. Nel dettaglio:

.

BUCA – ”Vi scrivo per segnalarvi una piccola voragine stradale – scrive il lettore, – apertasi vicino ai negozi nel tratto in cui transitano le macchine”.

.

FASTIDIO – ”Premettendo che ci sono sicuramente situazioni più urgenti – prosegue il cittadino. – prendo spunto da questa buca per chiedermi come mai il nostro Centro presenti sempre troppe buche.”

.

OPPORTUNO MUOVERSI – “Le Autorità hanno fatto e stanno facendo il massimo – conclude il nostro lettore. – ma la manutenzione sarebbe opportuno farla quanto prima possibile.”

.

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

.

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

.

Leggi anche:

Pista ciclabile Torino, la rabbia di un lettore: “Così si sprecano i soldi!”

Cani in adozione Torino, Shadow alla ricerca di una nuova casa

Sosta selvaggia Torino, un residente: “Le auto in doppia fila e sui passi carrai mandano in tilt il traffico!”

Servizio GTT ridotto 1 maggio Torino, le proteste di un cittadino: “Quando ci sono manifestazioni del genere bisognerebbe organizzarsi diversamente”

Di Redazione