Cellulare rubato Asti, fermati due minorenni

Sono tutt’ora in corso le indagini per risalire all’identità dell’altra ragazza, verosimilmente minorenne, implicata nei fatti

La Polizia di Stato – Squadra Volanti della Questura di Asti ha arrestato, nella tarda serata di ieri lunedì 28 gennaio, un minorenne ritenuto responsabile del reati di rapina, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.
Secondo quanto spiegato, il giovane, assieme a due coetanee, nel tardo pomeriggio avrebbe “adescato” un altro minorenne astigiano, probabilmente notato dal trio nei pressi della stazione dei bus di via Artom per il suo cellulare.
In base a quanto appurato, con una scusa, le due ragazzine avrebbero chiesto al coetaneo incontrato per strada di seguirle, perché gli volevano parlare, dirigendosi verso la scalinata del Movicentro: qui una delle due gli avrebbe strappato di mano il cellulare, mentre il terzo complice, che aveva seguito la scena da lontano, sarebbe intervenuto spacciandosi per il fidanzato dell’autrice del furto, e con minacce di morte nei confronti del derubato, al quale avrebbe inflitto una testata, si sarebbe fatto consegnare anche qualche decina di euro.
Il ragazzo rapinato non si è perso però d’animo e chiamava il 112: una pattuglia di Volante giungeva sul posto e, dopo aver avuto una sommaria descrizione dei tre malfattori, si è messa alla loro ricerca.
Due dei tre minorenni, presunti autori della rapina, sarebbero stati individuati nell’atrio della stazione ferroviaria, dove, vistisi scoperti, si sarebbero divisi, prendendo direzioni diverse, cercando di confondersi tra i viaggiatori.
In particolare, l’autore della testata si sarebbe tolto il giubbotto nel tentativo di non farsi riconoscere, e più volte, inseguito da un operatore di Volante, sarebbe salito e sceso da un treno fermo al binario. Con l’ausilio dei colleghi del Posto di Polizia Ferroviaria, i poliziotti sono riusciti a bloccare le uscite del sottopasso ferroviario e, nonostante un tentativo di resistenza del ragazzo, quest’ultimo e la sua complice sarebbero stati bloccati e accompagnati in Questura.
L’azione si è svolta tra le pensiline della Stazione, affollate di viaggiatori, dei quali i due minorenni cercavano invano più volte di attirare l’attenzione, strillando che non erano loro le persone da cercare e che non c’entravano nulla con la Polizia.
Bloccati, sarebbero stati riconosciuti dalla vittima, alla quale è stato restituito il cellulare ed il denaro di cui era stato derubato.
Il ragazzo, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Torino, è stato poi accompagnato nel capoluogo piemontese presso un centro di prima accoglienza in stato di arresto, mentre la complice, è stata indagata per rapina in stato di libertà ed affidata alla madre.
Sono tutt’ora in corso le indagini per risalire all’identità dell’altra ragazza, verosimilmente minorenne, implicata nei fatti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here