Chiusura orti urbani Tetti Piatti Moncalieri, ATC: “Rischi per la salute”

Le possibili contaminazioni chimiche del terreno sono conseguenza dell'alluvione dello scorso anno, quando la furia dell'acqua spazzò via la borgata

Gli orti urbani delle case popolari di Tetti Piatti sono pericolosi per la salute e Atc ha deciso di sigillarli, vietandone l’utilizzo.
Secondo quanto spiegato, le possibili contaminazioni chimiche del terreno sono conseguenza dell’alluvione dello scorso anno, quando la furia dell’acqua spazzò via la borgata e in quei terreni sversò anche i serbatoi delle centrali termiche dismesse, piene di idrocarburi.
Atc, nel documento consegnato ai residenti, non lascia dubbi: “Si è accertato che il terreno pertinenziale dei condomini di Borgata Tetti Piatti 17, 19, 21, 23 e 25 è stato inquinato da idrocarburi, in parte riconducibili allo sversamento avvenuto dai serbatoi delle centrali termiche dismesse. In attesa dell’esecuzione dei necessari interventi di bonifica (che sono in corso di valutazione), ai fini di salvaguardare la salute si vieta nel modo più assoluto l’utilizzo di prodotti coltivati negli orti abusivi presenti nel complesso. Questo non vuol dire che ci sia pericolo per chi vive li, affatto. Ma il mix con diserbanti e prodotti chimici usati per coltivare potrebbe risultare nocivo. Senza contare che gli orti non sarebbero comunque permessi”.
Una precauzione da parte di Atc, che aveva già informato i residenti del fatto che non si potesse coltivare nulla su quel terreno, diffidando chiunque a perseguire tali attività, ma inutilmente.
Il pericolo che quei terreni siano stati impregnati di inquinanti deriva anche dall’esondazione che colpì il rio adiacente e che poteva contenere di tutto vista anche la presenza della vicina statale 20, dove passano ogni giorno camion e auto, riversando lì i loro scarichi. Insomma è inevitabile che se qualcuno continua a mangiare la verdura coltivata in quegli appezzamenti, rischia di intossicarsi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here