Controlli Polizia di Stato Asti, il bilancio del lavoro effettuato nel weekend

Nel fine settimana, inoltre, la Squadra Mobile di Asti, ha rintracciato ed arrestato due pregiudicati astigiani, ritenuti responsabili di diversi episodi di furto, estorsione e ricettazione.

PoliziaNell’ultimo fine settimana la Polizia di Stato – Questura di Asti ha intensificato l’attività di controllo sul territorio con il prezioso apporto di personale del Reparto Prevenzione Crimine di Torino.
Secondo quanto spiegato, sono state oltre 193 le persone controllate su strada, a piedi o a bordo di veicoli, e 201 le autovetture sottoposte a verifica su strada, oltre a 88 veicoli controllati con il sistema “Mercurio”, che, fissato sulla plancia della Volante, costituito da un tablet (che può anche essere rimosso e utilizzato all’esterno), con schermo multi – touch da 10 pollici, e da una telecamera esterna, dotata di zoom ottico 36x, viene utilizzato per la video sorveglianza in mobilità e per il servizio di lettura automatica delle targhe (ANPR). Il Sistema Mercurio consente una geo localizzazione costante tramite l’invio delle coordinate cartografiche alla Centrale Operativa, che sarà dunque sempre informata in tempo reale sulla posizione delle proprie unità e potrà intervenire in maniere più rapida ed efficace in situazioni di emergenza. L’avanzatissimo sistema consente di compiere direttamente accertamenti sulle persone fermate in strada, di leggere automaticamente le targhe, riconoscendone al momento i numeri e le lettere con comparazione con quelli presenti nell’archivio delle auto rubate; se il riscontro è positivo allora gli agenti possono intervenire all’istante.
In base a quanto appurato, durante i controlli effettuati, sono stati elevati 4 verbali di contravvenzione al Codice della Strada per mancata revisione e mancato utilizzo delle cinture di sicurezza.
Un veicolo, privo di copertura assicurativa, è stato sottoposto a fermo amministrativo.
Nel fine settimana, inoltre, la Squadra Mobile di Asti, ha rintracciato ed arrestato due pregiudicati astigiani, ritenuti responsabili di diversi episodi di furto, estorsione e ricettazione.
Il primo, un 24enne astigiano, già gravato dalla misura dell’obbligo di dimora nel Comune di Asti, sarebbe stato rintracciato presso il proprio domicilio ed arrestato in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Asti, dovendo lo stesso espiare la pena di anni 1 mesi 9 giorni 26 di reclusione per un furto con strappo commesso in Asti, in via Brovardi, nell’aprile del 2016, ai danni di una donna anziana e un furto in abitazione, commesso in provincia di Cuneo nel dicembre del 2015.
L’altro soggetto arrestato, invece, è un 56enne torinese, rintracciato a Castell’Alfero, e destinatario di un provvedimento di condanna alla pena di anni 1 mesi 1 giorni 2 di reclusione, emesso dalla Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Torino, poiché ritenuto responsabile dei reati di furto ed estorsione.
L’arrestato, infatti, avrebbe contattato un ragazzo, vittima del furto di un autoradio, chiedendogli la somma di trenta euro per la restituzione dell’apparato.
Entrambi gli arrestati, terminate le formalità di rito, venivano condotti presso la Casa di Reclusione di Asti e posti disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.
Infine, personale delle Volanti ha denunciato in stato di libertà, per lesioni personali, un uomo e una donna, di origine nigeriana, rispettivamente di 22 e 19 anni, per aver aggredito un connazionale e procurandogli ferite lievi guaribili in dieci giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here