Controlli Polizia di Stato Asti, fermato 40enne

I poliziotti avrebbero notato, in particolare, un uomo di 40 anni che stava armeggiando all’interno del cofano posteriore dell’autovettura

Poco dopo le 3.00 di lunedì 29 aprile una pattuglia della Polizia di Stato – Squadra Volanti della Questura di Asti, durante il servizio di controllo del territorio, in questa via Monterainero, notava un’autovettura in sosta modello BMW 320 di colore grigio.
Secondo quanto spiegato, i poliziotti avrebbero notato, in particolare, un cittadino romeno di 40 anni che stava armeggiando all’interno del cofano posteriore dell’autovettura, pertanto gli operatori, insospettiti, si sono fermati procedendo poi a controllo dell’uomo.
In base a quanto appurato, da un primo controllo a mezzo della Banca Dati sarebbero emersi a carico del soggetto in questione numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, anche recenti, e vista l’evidente agitazione del fermato durante il controllo, gli operatori avrebbero provveduto ad effettuare perquisizione sul posto dell’autovettura e della persona.
E proprio all’interno dell’autovettura, più precisamente nel vano portaoggetti lato passeggero, sarebbe stato rinvenuto un coltello a punta di cm complessivi 21, inoltre 2 coltelli multiuso, nr. 3 tronchesi in acciaio tipo elettricista, una cesoia di acciaio tipo giardiniere ed una tenaglia in ferro.
Inoltre, all’interno del cofano posteriore della macchina, sarebbero stati rinvenuti numerosi prodotti alimentari e non (biscotti, cioccolata, snack, shampoo etc) dei quali l’uomo non riusciva a giustificarne il possesso.
In fine, sempre all’interno dell’auto, in un vano porta oggetti nel cruscotto, sarebbe stato rinvenuto e sequestrato un involucro di plastica trasparente contenente sostanza di tipo cannabis per un totale gr 1.9 netti circa.
Il cittadino romeno sarebbe stato segnalato quale assuntore di sostanza stupefacente con contestuale ritiro preventivo della patente di guida ed indagato per il possesso degli oggetti atti allo scasso e ad offendere, e la verosimile ricettazione del materiale rinvenuto. Inoltre allo stesso è stato notificato un provvedimento di allontanamento con Foglio di via obbligatorio e divieto di fare ritorno in Asti per 3 anni.