Controlli Polizia di Stato Torino, il bilancio del lavoro sul territorio

Continua l’attività della Polizia di Stato tesa a prevenire episodi di illegalità con i continui controlli del territorio

Nell’ambito dei servizi ordinari di presidio e controllo del territorio in aree ad alta concentrazione criminale, caratterizzate da condizioni di degrado, continua l’attività della Polizia di Stato tesa a prevenire episodi di illegalità.
Secondo quanto spiegato, in tale contesto, ieri, nel quartiere Barriera Milano, è stato individuato e denunciato dagli agenti del Commissariato di zona, un cittadino gambiano.
In base a quanto appurato, dopo aver dato in escandescenza nei pressi di una tabaccheria in corso Palermo, si sarebbe diretto verso la zona mercatale di piazza Montanaro, dove avrebbe posto in essere un comportamento aggressivo nei confronti delle persone presenti. Tempestivamente sono giunti sul posto operatori del Commissariato Barriera Milano in servizio di Volante, nei confronti dei quali l’uomo, in evidente stato di alterazione psico fisica dovuta all’assunzione di alcool e verosimilmente di sostanze stupefacenti, avrebbe opposto una violenta resistenza, anche fisica. L’uomo sarebbe stato tradotto negli uffici di Polizia per procedere alla su identificazione; in seguito ad alcuni tentativi autolesionistici, gli operatori hanno richiesto l’intervento del 118 che lo trasportava in ospedale per una valutazione psichiatrica. L’uomo è stato denunciato per resistenza a P.U.
Nella mattinata, inoltre,  un cittadino nigeriano con precedenti di Polizia, nel corso di un controllo avrebbe tentato di aggredire gli operatori del Comm.to Barriera Milano, dove avrebbe proseguito nei suoi comportamenti violenti proferendo frasi oltraggiose nei confronti delle Istituzioni.
Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, l’uomo è stato tradotto in carcere per resistenza a P.U. e denunciato per vilipendio. Verrà applicato nei suoi confronti il protocollo già previsto dalla circolare “Caselli” e recentemente richiamato nell’incontro tra il Procuratore Reggente Borgna e il Questore di Torino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here