Coronavirus, falso allarme a LeGru per un dipendente di una ditta esterna positivo al tampone

La persona trovata positiva al tampone per il Coronavirus lavorava in una struttura esterna e non ha avuto alcun tipo di contatto con l'interno del centro commerciale

La lettera ricevuta dai negozianti del centro commerciale Le Gru, poi pubblicata sui social, ha scatenato il panico.
La comunicazione, inviata nella serata di ieri, informava di come un dipendente di una ditta esterna al centro commerciale fosse stato trovato positivo al tampone del coronavirus e di come fossero già state prese tutte le misure del caso: sanificazione degli ambienti, cambio degli aspiratori e sostituzione del personale della azienda in questione (va precisato che la persona sottoposta a tampone non era in servizio dal 3 marzo).
LeGru, diversamente da quanto girava da alcune voci sui social, è aperto e non c’è nessun tipo di limitazione per il pubblico. Stando inoltre a quanto appurato, la persona trovata positiva lavorava in una struttura esterna e non ha avuto alcun tipo di contatto con l’interno della shopville. Insomma nessun caso di Coronavirus all’interno del centrocommerciale, ma solo allarmismo ingiustificato da voci sui social network.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here