Danneggiamento monumento Foibe Torino, in pezzi la lapide del drammatico ricordo

Il deprecabile gensto non ha ancora avuto una rivendicazione.

 

IL FATTO – Secondo quanto riferito da Carabinieri e Polizia Municipale, è stata distrutta la scorsa notte la lapide dedicata ai martiri delle Foibe situata in zona Lucento, a Nord di Torino.

– Il monumento, eretto in omaggio alla numerosa comunità istriana presente in città, era già stato fortemente danneggiato nel 2011, quando gli anarchici l’avevano preso a martellate proprio a ridosso del Giorno del Ricordo dell’esodo dalmata-giuliano.

 

UN PO’ DI STORIA –  Soprattutto per i lettori più giovani occorre ricordare che con Foibe s’intendono gli eccidi, perpetrati ai danni della popolazione italiana della Venezia Giulia e della Dalmazia, per motivi etnici e politici, durante e dopo la seconda guerra mondiale.

– Il nome “Foibe” deriva dalle grandi voragini naturali dove furono gettati i corpi delle vittime, ma anche persone vive dai partigiani del Maresciallo Tito.

– Si calcola che furono uccise diecimila persone, a Trieste e nelle zone controllate dai partigiani comunisti.

 

 INDAGINI IN CORSO – Sul caso dei danneggiamenti, le indagini sono ancora in corso

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 Di Redazione