Diminuzione incidenti 2013 in Piemonte, il report della Polizia Stradale

Nel 2013 gli incidenti stradali sono diminuiti, in Piemonte, di circa il 4% rispetto al 2012. A stabilirlo un rapporto della Polizia Stradale che, nel raggiungimento dei risultati, sottolinea l’operato svolto dagli agenti: sono state rafforzate le pattuglie stanziate su strade e autostrade, aumentati i tutor presenti sul territorio della regione e sostenute maggiormente le campagne pubblicitarie per la sicurezza stradale. Secondo i dati raccolti, tuttavia, emerge che ancora troppi sono gli incidenti mortali causati dall’abuso di alcol e droghe e dal mancato uso delle cinture di sicurezza. Al riguardo si è espressa anche la ministra Cancellieri, che ha dichiarato: “entro la fine del mese di gennaio porterò in Consiglio dei Ministri un pacchetto di norme sulla giustizia in cui sarà presente l’introduzione del reato di omicidio stradale”.

 

LA SICUREZZA STRADALE IN PIEMONTE – Oltre al calo del 4% degli incidenti stradali a livello complessivo, il rapporto specifica anche:

– un calo del 6% degli incidenti mortali e degli incidenti con lesioni gravi.

– circa 162 mila punti decurtati.

– ancora troppi gli incidenti causati dalla guida in stato di ebrezza e dal mancato uso delle cinture di sicurezza, soprattutto sui minori.

 

LE MISURE ADOTTATE – Sono circa millecinquecento, aggiunge la Stradale, le pattuglie aggiunte per prevenire le stragi del sabato sera.

– Potenziato anche il sistema del controllo della velocità media attraverso il Tutor, con circa 3000 km di autostrade sorvegliate.

 

LE INIZIATIVE PER PROMUOVERE LA GUIDA SICURA – Il rapporto si sofferma anche sui successi del Progetto Icaro, giunto alla sua tredicesima edizione.

– Realizzato con il contributo di Avio Aero e promosso dalla Polizia di Stato, in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma, il ministero dei Trasporti e dell’Istruzione, la Fondazione Ania per la sicurezza stradale, il Moige (Movimento Italiano Genitori), Icaro è un progetto di sensibilizzazione nei confronti degli alunni scuole superiori.

– Positivi anche i risultati della campagna pubblicitaria sociale “Guido con Prudenza”, realizzata in collaborazione con la Fondazione Ania e il Silb (Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento di Ballo e Spettacolo).

– Nel presentare il rapporto, la Stradale ha sottolineato la necessità di un vero e proprio cambiamento culturale, “costruito anche attraverso un linguaggio adeguato soprattutto se i destinatari della comunicazione sono i giovani. L’idea è che solo una sicurezza partecipata e condivisa da tutti gli attori della sicurezza Stradale, quindi anche da tutte le persone che circolano con i loro veicoli sulle strade, può consentire il raggiungimento dell’obiettivo della Commissione europea di dimezzare la mortalità per incidente stradale”.


INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI
 – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Pagamento seconda rata Imu dicembre 2013, analisi costi, problemi sulle coperture, dichiarazioni

Legge di Stabilità ottobre 2013, analisi e spiegazioni punto per punto, comprensibili a tutti

Aumento Iva al 22% dal 1° ottobre 2013: perché, paragoni nel mondo e dettagli comprensibili a tutti

Uscire dall’euro per ritornare alla lira: analisi sulle conseguenze tra debito pubblico, svalutazione, riduzione delle tasse e aumento degli stipendi

Referendum contro l’euro, posizioni e risultati in Italia, Francia, Inghilterra, Germania e Grecia

 

 Vera Prada