Donna derubata Stazione Porta Susa Torino, coinvolti anche sei minori

Solo a viaggio concluso si è resa conto dell’accaduto e si è rivolta ai Carabinieri di Trofarello che hanno subito informato gli Agenti della Polfer

PoliziaMentre si attende il treno, potrebbe essere molto facile essere distratti da giovani donne di etnia nomade che si accompagnano con bambini, anche in tenera età, che palesano di svelarti il futuro, leggendoti la mano, ma ti derubano di soldi e oggetti preziosi.
Secondo quanto spiegato, questa volta la malcapitata è una 53enne di Torino che era in attesa del treno nella stazione di Chieri.
In base a quanto appurato, la stessa sarebbe stata adescata da una nomade 41enne residente in Torino che, adoperando propri figli minori, ben 6, da 1 a 12anni, avrebbe circondato la vittima, mandandola in confusione e con la scusa di leggerle la mano, tra una chiacchiera e l’altra, le avrebbe sottratto due banconote da cinquanta euro.
Solo a viaggio concluso si è resa conto dell’accaduto e si è rivolta ai Carabinieri di Trofarello che hanno subito informato gli Agenti della Polfer di Torino Porta Susa.
Immediatamente sono scattate le ricerche della cittadina di etnia nomade e dei figli che sono stati rintracciati a bordo del treno in arrivo da Chieri ed accompagnati negli Uffici della Polizia Ferroviaria per ulteriori accertamenti. La donna è stata riconosciuta dalla vittima quale autrice del furto subito.
La 41enne, domiciliata nel campo nomadi di Strada dell’Aeroporto di Torino, è stata denunciata in stato di libertà per furto aggravato in concorso, mentre i bambini sono stati affidati alla custodia del nonno e la loro condizione è stata segnalata al Tribunale dei Minori.
Già nella scorsa settimana un’altra viaggiatrice è stata vittima di un furto con lo stesso modus operandi. Pertanto,la Polizia Ferroviaria, richiamando la campagna informativa “Stai attento! Fai la differenza”, promossa dalla Polizia di Stato e da Ferrovie dello Stato Italiane, con la divulgazione nelle stazioni di opuscoli, annunci sonori e apposita cartellonistica, relativi alle situazioni rischio in cui possono incorrere i viaggiatori, ricorda che la distrazione del passeggero e l’affollamento di stazione e treni  sono i maggiori alleati di  borseggiatori e di truffatori.
Dando immediatamente notizia alle Forze dell’Ordine la donna ha messo in moto una macchina che ha permesso di consegnare alla giustizia l’autrice del furto e di segnalare le condizioni dei minori impiegati per compiere l’attività illecita.
Foto: wikipedia.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here