Donna picchiata e segregata quartiere San Donato Torino

Il marito è stato tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia poiché sarebbe stato appurato che le consentiva di uscire di casa raramente

Da più segnalazioni pervenute al N.U.E. 112, relative un violento litigio in atto fra una coppia, è scaturito l’intervento di una pattuglia della Squadra Volante a casa di una famiglia di cittadini marocchini residenti nel quartiere San Donato.
Secondo quanto spiegato, gli operatori, al loro arrivo presso l’alloggio, avrebbero percepito urla e rumori provenienti dall’interno, pertanto si sarebbero fatti aprire immediatamente. Una donna di 27 anni si sarebbe presentata alla porta col viso e collo feriti ed in evidente stato di shock.
In base a quanto appurato, la 27enne avrebbe riferito ai poliziotti che per futili motivi, nati dalla sua richiesta al marito di uscire dopo il tramonto, come prevedono le regole del Ramadan, quest’ultimo l’avrebbe aggredita con schiaffi e pugni arrivando anche a cingerle il collo con le mani.
La donna ha necessitato di cure mediche, pertanto è stata trasportata in ospedale ove è stata medicata e dimessa con una prognosi di 10 giorni. Il marito è stato tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia poiché sarebbe stato appurato che le consentiva di uscire di casa raramente, solo per fare la spesa accompagnata da lui, mentre negli altri momenti della giornata la donna veniva chiusa a chiave in casa dal marito .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here