Donna picchiata da marito Leini, arrestato dai Carabinieri

I Carabinieri hanno arrestato un uomo di 43 anni, poiché, a causa dell’ennesimo litigio scaturito per futili motivi, avrebbe picchiato e minacciato la moglie alla presenza figlio minore di 17 anni.

Un video avrebbe documentato l’aggressività e la rabbia di un uomo che avrebbe picchiato la moglie mentre sta andando dai Carabinieri di Leini per denunciarlo.
Secondo quanto spiegato, nei giorni scorsi, a Leinì, i Carabinieri hanno arrestato un uomo di 43 anni, poiché, a causa dell’ennesimo litigio scaturito per futili motivi, in via Cavour, vicino alla caserma dei Carabinieri, avrebbe picchiato e minacciato la moglie alla presenza figlio minore di 17 anni. Nella circostanza, la donna ha denunciato ai militari analoghi episodi di violenza a far data dal 2016.
Stanze protette per le testimonianze delle donne vittime di violenze – Per meglio strutturare questi colloqui, l’Arma dei Carabinieri sta allestendo sul territorio nazionale una rete di “Una stanza per te”, progetto innovativo che mette al centro la persona vittima di violenza per accompagnarla in un percorso di superamento in cui ognuno ha un ruolo ben definito, il cui obiettivo primario è quello di agevolare l’accoglienza e le denunce. Delle piccole stanze protette, accoglienti ma adeguatamente attrezzate, per raccogliere le testimonianze delle donne che entrano in una caserma per denunciare violenze su di sé o sui propri familiari. Fino ad ora ne sono state aperte 13, a Torino e in provincia, nelle caserme dei Comandi di Compagnia dei Carabinieri, Le salette hanno l’obiettivo di agevolare l’accoglienza e le denuncia delle donne in quelle sedi delle forze dell’ordine specializzate a raccogliere le denunce: sono locali opportunamente separati dagli spazi comuni, adatti per trattare i casi di denuncia per violenza con la dovuta delicatezza, per limitare il disagio delle donne ma anche dotate delle opportune strumentazioni tecnologiche per formalizzare, se necessario, le testimonianze.
Foto: Archivio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here