Gommista Val Susa buca gomme per avere nuovi clienti, nuovo dramma della crisi

Non di rado la crisi è capace di trasformare le persone, al punto da spingerle a inventarsi soluzioni “pittorescamente illegali”  pur di riuscire a sbarcare il lunario.

 

E’ il caso di un gommista residente in un piccolo paese della Val Susa. 

 

Secondo quanto riferito dalle Forze dell’Ordine, l’uomo, più vicino agli 80 che ai 60 anni,  nel disperato tentativo di procurarsi nuovi clienti aveva escogitato il “piano perfetto”: armato di punteruolo bucava “personalmente” le gomme delle auto parcheggiate davanti al centro commerciale del paese.

 

Il procacciatore di affari fai-da-te, però, sebbene intento a procurarsi nuovi introiti, non ha badato a un dettaglio fondamentale: le telecamere del sistema di sorveglianza posizionate all’esterno del supermarket. Come se non bastasse, anche le denunce di alcuni automobilisti hanno giocato a suo sfavore.

 

Mentre le attività di indagine continuano, l’uomo è stato accusato di danneggiamento aggravato, violenza privata e tentata truffa.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Tentato furto alla Ferrero di Alba, ladri rubano carico di dolci destinato alla Francia

Rapina banca Corio Canavese, Torino: era in permesso premio ma non si è dato al relax

Non regge la crisi e diventarapinatore

Lite e pugni piazza Cavour Torino, all’origine di tutto una bicicletta

Lite tra automobilisti, dagli insulti si passa alle mani

 

Di Redazione