Il Nizza Cavalleria lascia Pinerolo, la spendig review fa trasferire lo storico reparto dell’Esercito Italiano

Nizza CavalleriaTrasloco da Pinerolo a Bellinzago Novarese per il Nizza Cavalleria, il celebre reparto dell’Esercito Italiano con sede a Pinerolo (TO), a rischio di sparizione dal 2008 a causa del piano di riduzione delle spese militari.

 

Come preannunciato, il trasferimento attuale è frutto della riorganizzazione dell’Esercito prevista dalla spending review, che prevede meno investimenti per la logistica e le infrastrutture, concentrando le risorse per l’operatività massima di tutti i reparti.

 

Il reggimento, presente a Pinerolo dal 1946, è in attività dal 3 gennaio 1832; fu l’ultimo reggimento ad arrendersi in Africa l’11 maggio 1943 ed ha scandito una parte della storia militare della Regione Piemonte e dell’intera Nazione.

 

Hanno militato nel Nizza Cavalleria personalità del calibro di Gianni e Umberto Agnelli, Pompeo Colajanni e Vittorio Emanuele di Savoia-Aosta, Conte di Torino.

 

Il provvedimento, quindi, porta a trasferire anche un pezzo di storia che ha dato lustro alla nostra regione e all’intera nazione; un brutto colpo per il ruolo e l’importanza che ha sempre rivestito questo importante reparto.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

 

Alessandro Gazzera