Inseguimento Barriera di Milano Torino, corsa folle su una macchina rubata

PoliziaGli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Barriera Milano avrebbero fermato per un controllo un’ autovettura, un Nissan Terrano, ma il conducente avrebbe inserito la retromarcia e a tutta velocità sarebbe fuggito incurante della manovracors pericolosa.

Secondo quanto spiegato, la folle corsa sarebbe terminata contro un’altra auto in marcia. A quel punto, gli agenti avrebbero raggiunto il Nissan Terrano, ma il passeggero avrebbe pensato bene di aprire la portiera per colpire un agente. Contemporaneamente, l’autista, dopo una repentina inversione di marcia, sarebbe ripartito, fuggendo nuovamente e travolgendo uno degli agenti.

Di lì sarebbe iniziato un inseguimento per le strade del quartiere: corso Giulio Cesare, via Scarlatti, via Paisiello, Piazza Bottesini, via Ponchielli, inseguimento che sarebbe poi terminato in via Leoncavallo dove i due  si sarebbero dati alla fuga a piedi. Uno dei due, l’uomo alla guida, un cittadino marocchino di 26 anni con numerosi precedenti è stato fermato dopo una colluttazione con uno degli agenti. L’altro, un cittadino moldavo di 22 anni, è riuscito, invece, a far perdere le proprie tracce.

A seguito di accertamenti, è emerso che l’autovettura era stata rubata un mese fa e che la targa era stata contraffatta: una lettera F era stata trasformata in E. Al ventiseienne marocchino, sottoposto a fermo, sono stati contestati i reati di ricettazione, resistenza e violenza, lesioni personali e riciclaggio. Sono in corso le ricerche del complice.