Inseguimento d’auto Volvera, nomade forza posto di blocco, ma viene preso

municipaleInseguimento da far west quello effettuatato mercoledì dalla Polizia municipale di Volvera, ma reso noto solo oggi. Un nomade ubriaco alla guida di un’automobile si è rifiutato di arrestarsi all’alt imposto dai vigili, durante un posto di blocco.

 

L’uomo è fuggito a tutto gas in direzione Orbassano prima e Piossasco poi. Nella sua folle corsa ha rischiato di investire auto e pedoni, anche una neo-mamma con un passeggino, prendendo strade contromano e tentando di speronare la volante dei vigili lanciata al suo inseguimento.

 

A Piossasco la sua fuga è terminata, dopo che la volante aveva bloccato ogni via di fuga. I vigili sulla macchina dell’uomo (risultato positivo all’etilometro con il tasso di 1,93) hanno ritrovato diverse bottiglie di alcolici e una mazza di legno. E’ stato denunciato a piede libero.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Foto curiosa Torino, lo scatto su un tram zona Mirafiori

Rissa giardini ex GFT corso Vercelli Torino, le foto

Campo nomadi Lungo Stura Lazio Torino, le foto di un lettore: “E’ una discarica, basta!”

Scippi via Borgaro Torino, la rabbia di un residente “Fate qualcosa!”

Massimiliano Rambaldi