Lavori teleriscaldamento Torino corso Potenza 2-10 luglio 2015, tutte le info

234px-2005-08-30-district-heating-pipelineA partire da giovedì 2 luglio la società IREN effettuerà lavori di realizzazione della nuova rete di teleriscaldamento nell’area dell’incrocio tra corso Regina Margherita ed i corsi Lecce e Potenza.

 

La prima fase del cantiere durerà dal 2 al 10 luglio, e comporterà la chiusura della carreggiata centrale di corso Lecce tra corso Appio Claudio e corso regina Margherita. La circolazione sarà deviata sui controviali.

 

Gli interventi proseguiranno con altre 3 fasi di cantiere che saranno di volta in volta illustrate, e dureranno complessivamente circa 2 mesi.

 

I lavori comporteranno modifiche alla viabilità e deviazioni dalle carreggiate centrali ai controviali, con disagi per la circolazione e rallentamenti del traffico.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Degrado Nichelino quartiere Castello, le foto shock di un lettore

Degrado edificio occupato via Pianezza Torino, foto e segnalazione di una lettrice

Degrado portici via Po Torino, foto e segnalazione di un residente

Rifiuti e degrado quartiere Parella Torino, la foto curiosa di una lettrice

(M.ram.)

Foto: wikipedia.org