Modifiche linea tram 10 GTT Torino, dal 6 marzo ritorna il tram

Il miglioramento immediato alla circolazione è legato al ritorno dei tram sulla linea 10, da corso Settembrini al Rondò della Forca.

tramA partire da martedì 6 marzo è previsto un miglioramento del trasporto pubblico in città e nei comuni della cintura dopo che, nelle scorse settimane, si sono verificati numerosi disservizi. Il miglioramento immediato è legato al ritorno dei tram sulla linea 10, da corso Settembrini al Rondò della Forca. Negli ultimi due mesi sulla linea 10 sono stati utilizzati gli autobus per consentire la potatura degli alberi posti sul percorso.
Contestualmente sarà nuovamente attiva la linea 10 navetta da via Massari a Porta Susa. Per la modifica della viabilità nella rotonda di corso Matteotti, da martedì 6 marzo la linea 10 navetta non effettuerà più la fermata davanti alla nuova Stazione di Porta Susa. Il bus compirà l’inversione di marcia alla rotonda di corso Bolzano angolo via Ruffini, effettuando le fermate in piazza XVIII Dicembre.
Il ritorno del tram sulla linea 10 renderà nuovamente disponibili una ventina di autobus lunghi da 18 metri che saranno utilizzati sulle linee con un maggior numero di passeggeri. In questo modo aumenterà la capienza di numerose linee con conseguente diminuzione dell’affollamento. L’intervento sulla linea 10 chiude peraltro una prima fase in cui si sono già potenziate le linee tranviarie e in particolare la 13 e la 15.
Sempre da martedì 6 marzo Gtt interverrà sulle linee della zona Sud (Moncalieri, Trofarello, Santena, Nichelino), gestite da Ca.Nova, con immissione in servizio di propri automezzi per consentire maggiore regolarità nelle corse (in specifico linee 40, 45, 47, 39).
Un ulteriore miglioramento è previsto nei prossimi mesi quando, in seguito al Piano Industriale approvato a gennaio, sarà regolarizzata la situazione finanziaria del gruppo, con l’arrivo di circa 65 milioni di euro, che consentiranno un rapporto diverso con i fornitori e un miglioramento dell’attività di manutenzione e riparazione dei mezzi guasti. Si punta a una regolarizzazione del servizio ai livelli pre-crisi finanziaria, in particolare per le principali linee Gtt, entro il mese di maggio.
Dalla fine di quest’anno si prevede un ulteriore passo avanti della qualità del servizio con l’attivazione della gerarchizzazione della rete (linee di forza e di adduzione) e l’operatività dei nuovi autobus che GTT ha deciso recentemente di acquistare (80 di 12 metri di lunghezza e 34 lunghi 18 metri), a cui si aggiungeranno 6 veicoli elettrici. Successivamente si prevede l’acquisto di ulteriori 51 bus 18 metri e di 13 bus 12 metri. Complessivamente saranno 184 mezzi che permetteranno un significativo aumento della qualità del servizio.
Nei prossimi anni Torino avrà anche nuovi tram grazie al recente finanziamento da parte del Ministero della Trasporti.
Foto: wikipedia.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here