Nasce l’Osservatorio sul lavoro transfrontaliero nella provincia di Verbania Cusio Ossola

È stato sottoscritto il 15 gennaio 2020, a Verbania, il protocollo d’intesa per la costituzione dell’Osservatorio permanente sul fenomeno del lavoro transfrontaliero nella provincia di Verbania Cusio Ossola

È stato sottoscritto il 15 gennaio 2020, a Verbania, il protocollo d’intesa per la costituzione dell’Osservatorio permanente sul fenomeno del lavoro transfrontaliero nella provincia di Verbania Cusio Ossola che introduce, anche in questo territorio, un importante strumento di consultazione tra i principali soggetti che si occupano del tema.
Fanno parte del nuovo Osservatorio: la Provincia del Verbano Cusio Ossola, la Camera di Commercio, le organizzazioni sindacali, riunite sotto l’organismo del CSIR del Ticino Piemonte e Lombardia (organismo transfrontaliero costituito tra le italiane di CGIL CISL e UIL e le organizzazioni svizzere di UNIA e OCST), Cgil Cisl Uil territoriali, i Comuni di Verbania e Domodossola, le Unioni montane delle valli Ossola, Alta Ossola, Vigezzo, Valgrande e Lago di Mergozzo e l’Unione dei Comuni del Lago Maggiore, Arizzano, Premeno e Vignone.
L’osservatorio garantirà inoltre la partecipazione a quegli Enti pubblici o privati che operano a vario titolo nel sistema del lavoro transfrontaliero, su richiesta qualificata degli aderenti.
Soddisfazione per l’avvio di una nuova fase è stata espressa dai coordinatori nazionali e segretari territoriali di Cgil Cisl Uil, Giuseppe Augurusa, Luca Caretti, Raimondo Pancrazio, segretari territoriali di Cgil Cisl Uil, Attilio Fasulo, Elena Ugazio e Roberto Vittorio.
I sindacati hanno ringraziato il Consiglio provinciale per la disponibilità.
“Anche la Provincia del Verbano Cusio Ossola – hanno detto tutti i sindacati – rientra così a pieno titolo nella strategia avviata solo un anno fa con la costituzione di una rete di Osservatori provinciali su iniziativa dei sindacati confederali di frontiera e delle Province pedemontane (Varese, Como, Sondrio ed in fase di costituzione quella tra San Marino e Rimini) al fine di affrontare in maniera incisiva le tante questioni che riguardano gli oltre 100mila lavoratori italiani transfrontalieri”.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa CISL Piemonte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here