Negozi in chiusura Torino, addio a 40 esercizi di grandi griffe e cassa integrazione per 127 dipendenti

Svolta storica per il commercio in centro a Torino, che cambierà radicalmente “volto”.

 

La Holding Tessile, azienda che gestisce rivendite di marche come Calvin Klein, Timberland, Guess, Marlboro e Furla, ha annunciato ai sindacati che ha richiesto la CIGS (Cassa integrazione straordinaria) per 127 lavoratori di circa 40 rivendite, situate tra centro città e l’8Gallery al Lingotto.

 

 

L’HT ha annunciato che la chiusura degli esercizi sarà graduale e dilazionate nel tempo. La decisione è dettata non solo dalla crisi dei mercati, ma anche dal cambiamento delle abitudini degli italiani, che ai rivenditori classici preferiscono sempre di più gli outlet.

 

Sono in costante crescita, infatti, i consumatori che scelgono di fare i propri acquisti all’interno di punti vendita, magazzini aziendali o veri e propri villaggi dello shopping dove trovare prodotti scontati tra il 30-60%, poiché appartenenti alla passata stagione. Per l’approfondimento sulla “fenomenologia dell’outlet”, CLICCA QUI

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

Leggi anche:

Analisi industrie Piemonte, proposte anti-crisi e dettagli

Crisi cinema italiano AGIS e ANEC, in Piemonte potrebbero chiudere 120 sale su 174

Di Redazione