Nuovo autovelox corso Unità d’Italia, attivo dal 1 agosto 2013

Il Comune di Torino comunica che da giovedì 1 agosto 2013 sarà attivo il nuovo impianto di controllo della velocità in corso Unità d’Italia.

.

Nella nota si legge cheLe telecamere del nuovo autovelox, costato poco più di 360 mila euro, sono state collocate sulla passerella sopraelevata Bailey che consente a ciclisti e pedoni di attraversare il corso all’altezza della scuola di amministrazione aziendale. “

.

La progettazione e la gestione dell’impianto sono state affidate alla partecipata 5T.

.

Per ulteriori informazioni è disponibile il numero 011-46.06.060

.

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Misuratori velocità corso Primo Levi Rivoli, due lettori “continuano a non essere tarati correttamente”

Misuratori velocità corso Primo Levi Rivoli Torino, un lettore: “Non sono tarati correttamente”

Strada dissestata corso Tazzoli Torino, l’indignazione di un lettore: “Sembra di essere in una zona di guerra”

Buche e strada dissestata corso Tazzoli Torino, un altro lettore esasperato: “Con la pioggia diventa una piscina”

Servizio GTT ridotto 1 maggio Torino, le proteste di un cittadino: “Quando ci sono manifestazioni del genere bisognerebbe organizzarsi diversamente”

Di Redazione