Pasqua e Covid19, ecco le misure del nuovo DPCM

Pasqua in casa, supermercati chiusi, consentite le visite ad amici e parenti. Queste le principali misure inserite nel DPCM che sarà valido fino al 7 aprile. Il Piemonte resterà in zona rossa almeno fino al 12 aprile.

Pasqua in casa, supermercati chiusi, consentite le visite ad amici e parenti. Queste le principali misure inserite nel DPCM che sarà valido fino al 7 aprile. Il Piemonte resterà in zona rossa almeno fino al 12 aprile.
SABATO, PASQUA E PASQUETTA: CONSENTITE LE VISITE AD AMICI E PARENTI – Nei giorni 3, 4 e 5 aprile è consentito, una sola volta al giorno tra le ore 5 e e 22, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata della stessa Regione, a un massimo di due persone oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.
SUPERMERCATI CHIUSI A PASQUA (DALLE 13) E PASQUETTA – In tutto il Piemonte i supermercati resteranno chiusi a Pasqua (a partire dalle 13) e a Pasquetta (tutto il giorno). Lo stabilisce un’ordinanza della Regione Piemonte.
OK ALLE SECONDE CASE IN PIEMONTE PER I RESIDENTI, STOP DALLA LIGURIA – I cittadini piemontesi possono recarsi nella propria seconda casa in Piemonte. La Liguria, invece, ha emanato un’ordinanza che vieta di recarsi nelle seconde case fino a martedì 6 aprile.
DA MERCOLEDÌ 7 APRILE TORNA LA SCUOLA IN PRESENZA FINO ALLA PRIMA MEDIA – Dal 7 aprile 2021, anche in zona rossa, tornano in presenza asili nido, materne, elementari e prima media. Prosegue invece la DAD per i successivi gradi di istruzione (con la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali).
LE MISURE PER LE ZONE ROSSE – Le misure relative alle zone rosse, prorogate per il mese di aprile.
– Resta vietato ogni spostamento anche all’interno del proprio Comune, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.
– Rimane in vigore il divieto di spostamento tra le Regioni, se non per motivi di lavoro, di salute o per urgenze.
– Si potranno raggiungere le seconde case, se si è proprietari o titolari di un contratto d’affitto antecedente al 14 gennaio 2021. Attenzione: possono esservi eccezioni stabilite dalle normative regionali.
– Vietati gli incontri con amici e parenti
– I bar e i ristoranti restano chiusi. Possibile l’asporto per i ristoranti fino alle 22, per i bar fino alle 18. Consegna a domicilio senza limitazioni
– Restano chiusi i negozi, eccetto alimentari e prima necessità
– Restano chiusi i servizi alla persona, come parrucchieri ed estetisti
– Resta sospesa l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto che al chiuso. È consentito svolgere attività motoria in forma individuale, nel rispetto del distanziamento, nei pressi della propria abitazione