Postazioni autovelox Torino 11 ottobre 2013, info e strade coinvolte

La Polizia municipale di Torino ha comunicato a inizio settimana le strade dove possono essere effettuati i controlli della velocità tramite Autovelox e Telelaser, ricordiamo le postazioni di venerdì11 ottobre 2013:

.

Alle postazioni fisse di C.so Regina Margherita n. 401/A e C.so Unità d’Italia vanno ad aggiungersi:

.

Corso Grosseto
Lungo Stura Lazio
Via Pietro Cossa
Corso Moncalieri
Corso Galileo Ferrarsi
Corso Tazzoli
Corso Orbassano
Corso Cosenza
Corso Siracusa
Corso Galileo Ferraris
Corso Allamano
Corso Salvemini
Corso Francia
Corso Peschiera
Corso Trapani
Via Mazzarello
Corso Rosselli
Viale Agudio
Corso Cairoli
Via Passo Buole
Via Onorato Vigliani Corso Mortara

.

Per ulteriori informazioni è disponibile il numero 011-46.06.060

.

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

.

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

.

Leggi anche:

Pista ciclabile Torino, la rabbia di un lettore: “Così si sprecano i soldi!”

Cani in adozione Torino, Shadow alla ricerca di una nuova casa

Sosta selvaggia Torino, un residente: “Le auto in doppia fila e sui passi carrai mandano in tilt il traffico!”

Servizio GTT ridotto 1 maggio Torino, le proteste di un cittadino: “Quando ci sono manifestazioni del genere bisognerebbe organizzarsi diversamente”

Di Redazione