Presidio davanti poliambulatorio Nichelino, sindaci assessori e cittadini contro i tagli sanitari

nichelinoOggi alle ore 14,30, di fronte alla sede dell’ASL To5 di Nichelino, si sono ritrovati a manifestare i sindaci dei comuni del Distretto Sanitario, insieme ad assessori, consiglieri comunali, sindacati, associazioni e cittadini.

Al centro della protesta la forte preoccupazione per le riduzioni previste dalla Regione nell’erogazione delle prestazioni sanitarie che, peraltro, si vanno a sommare ai precedenti tagli: “Tutto ciò non farà altro che aumentare il disagio e difficoltà per la cittadinanza – ha detto il vice sindaco di Nichelino, Franco Fattori, – quello che ci preoccupa è che la struttura ad oggi viene utilizzata al 30% delle sue possibilità e nelle prossime settimane gli operatori delle sale day surgery staranno in ferie una ventina di giorni tutti insieme con la chiusura del servizio. La nostra paura è che si voglia colpire ancora la sanità locale”

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Consumo di alcol tra minorenni, il ruolo della pubblicità televisiva

Effetti alcol e cannabis, le conseguenze per chi guida un veicolo

Mix alcol ed energy drink, nuovi dati sulla pericolosità

Massimiliano Rambaldi