Processo amianto Teksid Torino, PM chiede da 1 a 5 anni per i vertici dell’azienda

Al Palazzo di Giustizia di Torino continua il processo a carico dei vertici della Teksid, azienda siderurgica di proprietà di FIAT s.p.a.

 

Nella mattinata di ieri si è conclusa la requisitoria del PM Gianfranco Colace. Secondo il magistrato, i vertici dell’azienda avrebbero un ruolo rilevante nella morte di 15 dipendenti dell’azienda torinese, deceduti a causa di malattie, come il mesotelioma, provocate dalle polveri d’amianto.

 

In particolare, nell’impianto accusatorio di Colace si evidenzia come i vertici sarebbero stati a conoscenza dell’inadeguatezza dell’impianto di aerazione, non in grado di riassorbire le polveri cancerogene presenti nell’aria. Questo stato di malfunzionamento dei condotti si riferisce al periodo che va dal 1976 al 1989, anno di bonifica dell’impianto stesso.

 

Al termine della sua requisitoria, il PM ha chiesto alla Corte, per gli imputati, pene che vanno da 1 a 5 anni di reclusione.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Nuova udienza processo Thyssen-Krupp Torino, Cauferi: “Non smetto di pensare a quella notte”

Processo Tawfik Torino, il PM ha chiesto otto mesi di carcere per truffa aggravata

Processo No Tav Torino, avvio con proteste e disordini

Di Redazione