Ragazze minorenni adescate su Facebook, denunciato un giovane; recapiti polizia postale e consigli per difendersi

È accaduto ieri mattina a Torino.

 

Secondo la ricostruzione della Polizia postale, un ragazzo, italiano, utilizzava Facebook per entrare in confidenza con le proprie vittime, fino ad invitarle a inviargli foto e filmati osé.

 

 

In base a quanto emerso, al rifiuto delle ragazze, giovane malvivente iniziava a ricattarle, minacciandole di divulgare i contenuti precedentemente inviati.

 

Il ragazzo ha continuato nella propria azione fino a quando una delle sue vittima, con grande coraggio, ha deciso di recarsi in Commissariato denunciando l’accaduto.

 

Attraverso le informazioni raccolte, la Polizia Postale torinese è tempestivamente riuscita a individuare il giovane, accusato ora di  violenza sessuale, perpetrata virtualmente attraverso i social network.

 

Il dato che emerge, è come l‘incremento dell’utilizzo del web ha reso necessario un intervento sempre maggiore delle Forze dell’Ordine riguardante reati prima ignorati; uno di questi è la violenza sessuale via Internet.

 

Per compiere tale reato, l’utente, spesso dotato di un falso profilo, fa in modo di entrare in confidenza con la vittima, riuscendo a farle compiere quanto da lui voluto in un lasso di tempo più o meno breve, attraverso minacce che contemplano generalmente la divulgazione di contenuti personali. A quel punto, si entra in un meccanismo da cui è difficile uscire poiché, a causa degli eventuali ricatti, le vittime si piegano alla volontà dei propri aguzzini.

 

Per evitare ogni rischio, la Polizia postale spiega come sia buona norma “non entrare in contatto web con individui che non si conoscono di persona”. Inoltre, “se si è contattati da una persona potenzialmente sospetta, è bene non comunicare alcun tipo di dato sensibile né inviare alcun tipo di foto, avvisando tempestivamente, se minorenni, i propri genitori”.

 

Per ogni problematica legata alle violenze via web, l’azione della Polizia postale è decisiva e utile a fermare ogni fenomeno sospetto nel minor tempo possibile. Di seguito i contatti per la centrale torinese:

 

Compartimento Polizia Postale Piemonte e Valle d’Aosta

– Corso Tazzoli n.235, Torino
– Tel. 011.3014611
– Apertura al Pubblico: 08.30 – 13.30 e 15.00 – 18.00
– EMail: poltel.torino@poliziadistato.it

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Maltrattamenti sulle donne Torino: “Codice Rosa” negli ospedali Maria Vittoria e San Giovanni Bosco; info e contatti per aiuti immediati

Stalker Torino, pedinava la ex grazie al GPS sul cellulare

Di Redazione