Rame rubato Torino, scoperti 600 chili del prezioso metallo dentro un furgone guidato da romeni

E’ accaduto alle 12,15 di ieri in Via Reiss Romoli, a Torino.

 

Secondo quando spiegato dagli agenti del Nucleo Progetti Operativi della Polizia Municipale, alle 10 di ieri mattina è stato notato in Via Fossata, angolo Via Bongiovanni, nella zona di corso Grosseto, un Ford Transit carico di cavi di rame.

 

 

Verso le 12,15 due uomini, di nazionalità romena, si sono allontanati a bordo del veicolo verso via Reiss Romoli.

 

Qui sono stati fermati dagli agenti della Locale che, perquisendo il mezzo, hanno rinvenuto ben 600 chili di rame e alcuni attrezzi da scasso.

 

Per i due malviventi è quindi scattato il fermo mentre, il materiale, è stato sequestrato.

 

Una volta portati al Comando, procedendo all’identificazione dei soggetti, è emerso un ordine di carcerazione a carico di uno dei due uomini, che è stato quindi trasferito in carcere.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Inseguimento Lungo Stura Lazio Torino, 16enne tenta di investire due agenti

Misuratori velocità corso Primo Levi Rivoli Torino, un lettore: “Non sono tarati correttamente”

Negozi danneggiati e auto bruciate Torino quartiere Vallette, forse atto intimidatorio

Di Redazione