Rapine banche e gioiellerie Torino e provincia, fermato presunto responsabile

I militari sono riusciti a identificarlo grazie alle immagini di videosorveglianza acquisite nel corso delle indagini

Sembrava un rappresentante con la sua valigetta e la faccia da bravo ragazzo ma in realtà era un rapinatore seriale armato e pericoloso.
Secondo quanto spiegato, i Carabinieri della compagnia Torino Oltre Dora hanno arrestato, nei giorni scorsi un uomo di 31 anni, perché è ritenuto responsabile di tre rapine tra Carmagnola e Torino, ma anche di una tentata rapina in banca a San Mauro Torinese.
In base a quanto appurato, avrebbe agito con il volto scoperto e con la sua bella faccia pulita e la valigetta riusciva a ingannare i gioiellieri (e non solo) che gli aprivano le porte senza alcuna difficoltà. I militari sono riusciti a identificarlo grazie alle immagini di videosorveglianza acquisite nel corso delle indagini.
L’identificazione è stata possibile anche grazie alla testimonianza di un’impiegata di banca. Qualche mese fa, l’uomo aveva aperto un conto a San Mauro, ma quando si è ripresentato per fare un prelievo con il coltello, l’impiegata l’ha riconosciuto. Il soggetto si è accorto di essere stato riconosciuto ed è scappato. Poco dopo, però, è stato arrestato.
Immagini fornite dal comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here