Recupero Fabbricato Santi Martiri Torino, accordo tra Comune e Congregazioni

moleApprovato oggi dal Consiglio comunale un accordo tra la Città di Torino, la Congregazione Maggiore della SS. Annunziata (“Nobili Avvocati”) e la Pia Congregazione dei Banchieri Negozianti e Mercanti Onlus.
L’accordo, come delineato in una deliberazione presentata dall’assessore Gianguido Passoni, riguarda il fabbricato dei Santi Martiri, nell’isolato compreso tra le vie Garibaldi, Stampatori e Botero, comprensivo della “Cappella dei Mercanti”, nel quale sono ubicati anche uffici comunali.
Il complesso edilizio presenta una particolare situazione di comproprietà (“comunione”) fra la Città e le due Congregazioni sopra citate, fatto che ha reso necessaria, in vista di lavori di recupero e risanamento conservativo per circa 348mila euro, la definizione di un accordo specifico, basato su parametri quali metratura, altezza dei piani, uso consolidato e costi a carico di ciascun “comunionista”.
Per il risanamento della facciata, la Città di Torino concorrerà alla spesa per una quota pari all’81,34%, mentre la restante parte sarà a carico delle due Congregazioni e dell’Agenzia per il Demanio.
L’accordo ha rappresentato l’occasione per la definizione di reciproche servitù di passaggio, con in più l’acquisizione da parte del Comune di un locale interrato sotto gli Antichi Chiostri.