Riapertura Castello di Moncalieri, appuntamento per il 3 luglio 2020

Nell’ultima Commissione Consiliare Cultura, la Direttrice Regionale Musei del Piemonte e dei Musei Reali di Torino Enrica Pagella ha dichiarato che il 3 luglio, d’accordo con il Consorzio per la Valorizzazione delle Residenze Reali Sabaude, l’Arma dei Carabinieri e il Comune di Moncalieri, riapriranno al pubblico il Castello Reale e i suoi Appartamenti storici, chiusi da un anno

moncalieriNell’ultima Commissione Consiliare Cultura, la Direttrice Regionale Musei del Piemonte e dei Musei Reali di Torino Enrica Pagella ha dichiarato che il 3 luglio, d’accordo con il Consorzio per la Valorizzazione delle Residenze Reali Sabaude, l’Arma dei Carabinieri e il Comune di Moncalieri, riapriranno al pubblico il Castello Reale e i suoi Appartamenti storici, chiusi da un anno. E’ quasi un regalo di compleanno per il bicentenario della nascita del re Vittorio Emanuele II la riapertura della sua Residenza esterna prediletta. L’appuntamento è per venerdì 3 luglio, quando Moncalieri si lascerà alle spalle la lunga pausa imposta dalle misure anti-Covid.
Riprenderanno anche pienamente  le altre attività (sempre nel rispetto delle norme di precauzione vigenti) alla Cavallerizza, al Giardino delle Rose e al Parco storico del Castello, alla Biblioteca Civica Arduino, alla Cascina Le Vallere e altrove, ospitando gli appuntamenti dal vivo organizzati dall’Assessorato alla Cultura. Ai dettagli del programma estivo sta lavorando l’assessore alla Cultura e al Turismo Laura Pompeo: «Stiamo riprogrammando gli eventi e abbiamo approvato una delibera di indirizzo che prevede la ripresa delle attività del nostro sistema culturale e la relativa tutela dei lavoratori».
Il calendario programmerà gli eventi tenendo conto delle famiglie che resteranno in città anche nel periodo estivo, con proposte  di teatro, danza, circo, musica, magia e altro ancora per  ogni fine settimana. L’attenzione ora è tutta per la data di venerdì 3 luglio: sui preparativi entra nel dettaglio Enrica Pagella, direttore della Direzione Regionale Musei Piemonte. «L’accordo è stato integrato con un disciplinare ad hoc per la gestione del tema sanitario». Anzitutto saranno contingentati gli ingressi: per ciascun turno di visita il massimo sarà di 8 persone e l’accesso sarà solo su prenotazione. Nell’occasione, alla Collegiata di Santa Maria della Scala, la sera si terrà il concerto barocco che avvierà la  rassegna «Organalia».
Foto: wikipedia.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here