Ricettazione Chivasso, arrestato 25enne residente a Torino

Carabinieri-300x220Il 19 agosto 2015 alle ore 22.40 circa, militari dell’aliquota operativa della Compagnia Carabinieri di Chivasso, hanno tratto in arresto un uomo di 25 anni, residente a Torino, ritenuto responsabile della tentata vendita, tramite siti internet di compravendita, di parti di un ciclomotore oggetto di furto avvenuto in Chivasso il 5 agosto scorso.

 

I militari operanti, dopo aver accertato la provenienza del mezzo, hanno proceduto alla perquisizione domiciliare dove avrebbero rinvenuto una dose di sostanza stupefacente tipo “hashish”; nove dosi di sostanza stupefacente tipo “marijuana” del peso complessivo di 7 grammi; otto piantine di marijuana dell’altezza di un metro e mezzo circa cadauna poste su vasi in balcone ed un bilancino di precisione.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Tentata rapina Pinerolo, 15enne aggredito riporta 10 giorni di prognosi

Tentata rapina sala giochi Torino Porta Palazzo, malviventi fanno irruzione con armi in pugno e immobilizzano clienti

Anziana rapinata Torino corso Re Umberto, anche resistenza a pubblico ufficiale pur di strapparle la catenina

Truffa anziano Moncalieri, rapinato da falsi addetti dell’acquedotto

 

Massimiliano Rambaldi