Riqualificazione asilo Carmagnola, calcinacci a terra fanno arrivare i Vigili del Fuoco

12201052_963932693652387_560424311_nIeri mattina i Vigili del Fuoco sono intervenuti in un asilo, perché chiamati da alcuni genitori preoccupati dello stato di manutenzione della struttura.

 

L’allarme è scattato quando mamme e papà hanno visto per terra in alcune aule dei calcinacci e in un bagno il soffitto senza intonaco, con mattoni a vista. Sul posto è intervenuta la squadra del Lingotto e ha interdetto alcune zone della scuola materna, oltre che le aule dell’Unitre, che sono sempre nello stesso stabile. Nella scuola si stanno già comunque facendo dei lavori di riqualificazione e le zone chiuse dai vigili del fuoco sono proprio quelle interessate dagli interventi. Sul posto anche i tecnici comunali che hanno assistito all’intervento dei pompieri. Alcuni genitori volevano che venisse chiusa tutta la scuola, cosa che però la può solo autorizzare il Comune.

 

Il sindaco Silvia Testa ha affisso un avviso per rassicurare i genitori: “Si stanno compiendo indagini specialistiche di tipo preventivo nei fabbricati scolastici di proprietà comunale in modo da garantire la piena sicurezza delle scuole. Tra le verifiche proprio quella dell’intonaco dell’intradosso di tutti i solai per prevenire il distacco dell’intonaco stesso dai soffitti. Al Sant’Anna non c’è pericolo tale da chiudere i locali, ma è emersa la necessità di programmare l’esecuzione di interventi precauzionali di distacco e rifacimento di limitate porzioni di intonaco di alcuni locali”.

 

Sulla questione è intervenuto anche Lorenzo Stella, a nome della sezione locale di Fratelli D’Italia: “Molte scuole carmagnolesi versano in uno stato problematico sotto il profilo della manutenzione. Non solo il sant’Anna, ma problemi sono stati riscontrati alla scuola di Salsasio e alla San Bernardo. La giunta Testa dovrebbe spendere i soldi per mettere a posto questi problemi piuttosto che destinarli ad altro. Non escludiamo di presentare un esposto alla procura se la situazione non migliorerà”.

Massimiliano Rambaldi