Risultati elezioni 2013, instant poll ed exit poll in tempo reale

Alle 15.00 di lunedì 25 febbraio 2013 si sono chiusi i seggi per questa tornata elettorale; lo spoglio dei voti per le politiche nazionali è iniziato ed i primi dati iniziano ad arrivare. Ricordiamo che, per legge, si procede dapprima con il Senato e, solo al termine, con la Camera. Lo spoglio delle Regionali, invece, inizierà domani alle ore 14.00.

 

TUTTE LE COALIZIONI – Le coalizioni sono così formate:

– Angelino Alfano – Berlusconi Silvio: Popolo delle Libertà, Lega Nord, La Destra e Fratelli d’Italia – Centrodestra Nazionale; in alcune circoscrizioni, poi, sono aggregati i Moderati Italiani in Rivoluzione, Grande Sud con il Movimento per le Autonomie, Intesa Popolare, il Partito dei Pensionati, i Popolari di Italia Domani, Liberi per un’Italia equa ed Italia Unita-Basta Tasse.

– Bersani Pierluigi: Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà e del Centro Democratico; in alcune circoscrizioni, poi, è stato aggregato il Partito Socialista Italiano, il movimento Il Megafono, i Moderati per il Piemonte, il Partito Autonomista Trentino Tirolese, il Südtiroler Volkspartei e la lista Autonomie Liberté Participation Écologie.

– Giannino Oscar Fulio: Fare per Fermare il Declino.

– Grillo Giuseppe Piero: MoVimento 5 Stelle.

– Ingroia Antonio: Rivoluzione Civile, Italia dei Valori, Movimento Arancione, Nuovo Partito d’Azione, Verdi, Rifondazione Comunista e il Partito dei Comunisti Italiani

– Monti Mario: Scelta Civica – Con Monti per L’Italia, Unione dei Democratici Cristiani e di

Centro e Futuro e Libertà per l’Italia.

 

INSTANT POLL – I primissimi dati degli instant poll parlano di un vantaggio del centrosinistra con una forchetta che oscilla tra il 33 ed il 37%.

– Centrodestra a seguire con 28-30%, poi Grillo con il suo MoVimento 5 Stelle tra il 18-20%, Monti tra l’8 e l’11%.

 

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 15.15 – Continua la caccia agli ultimi instant poll. Il sondaggio Rai Piepoli ci restituisce questi numeri:

– Camera: centrosinistra 35-37%, centrodestra 29-31%, M5S 19-21%, Lista Monti 8-10%, Rivoluzione Civile 2-3%, Altri l’1-2%.

– Senato: centrosinistra 36-38%, centrodestra 30-32%, M5S 17-19%, Lista Monti 7-9%, Rivoluzione Civile 2-3%, Altri il 2,5%.

– A partire dalle 16.00-16.30 verranno pubblicate le proiezioni, decisamente più attendibili rispetto questi instant poll che vengono fatti con sondaggi telefonici. Le proiezioni, invece, si basano su voti reali in sezioni scelte sulla base di un campionamento statistico.

– Filtrano anche i primissimi insant poll sulle Regionali; questi vedono Maroni ed Ambrosoli appaiati al 42-44%.

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 16.00 – Arrivano le prime proiezioni sul Senato; queste vedono un vantaggio della coalizione di centrodestra nella ripartizione al Senato per tutte e tre le Regioni, con Grillo ed il centrosinistra sostanzialmente a parimerito.

– Sicilia: centrosinistra 26,5%, centrodestra 36,1%, Monti per l’Italia 5,4%, Grillo 28,1%, Ingroia 2,2%

– Campania: centrosinistra 27,8%, centrodestra 37,1%, Monti per l’Italia 6,9%, Grillo 23,9%, Ingroia 2,3%

– Piemonte: centrosinistra 21,5%, centrodestra 36,9%, Monti per l’Italia 9,3%, Grillo 25,5%, Ingroia 1,2%

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 16.30 – Le prime proiezioni parlano di un risultato molto diverso rispetto a quanto emerso negli istant poll. Rai Piepoli mostra un vantaggio, al Senato, della coalizione di centrodestra con Grillo che, invece, sembra poter essere il primo partito.

– Con una copertura di poco inferiore al 14%, i dati sono questi: centrodestra 31%, centrosinistra 29,5%, MoVimento 5 Stelle 25,1%, Con Monti per l’Italia 9,6%, Rivoluzione Civile 1,8%.

– Scomponendo il dato a livello di partiti, parità tra Grillo e Pd con, rispettivamente, 25,1 e 25,0%; dietro di loro il Pdl con il 22,6%. Poi Monti al 9,6%, Lega Nord al 3,9% e SEL al 3,0%. Fratelli d’Italia al 2,0% ed Ingroia all’1,8%.

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 16.50 – Molto indicativa e, per certi versi, sorprendente, la seconda proiezione di Rai Piepoli al Senato; sempre in vantaggio il centrodestra con scarto netto sul centrosinistra e su Grillo, dato che gli esperti dichiarano difficile da prevedere visto la sua prima apparizione alle nazionali.

– Con una copertura del 24,3% i dati sono questi: centrodestra 31,6%, centrosinistra 29,4%, MoVimento 5 Stelle 24,9%, Con Monti per l’Italia 9,2%, Rivoluzione Civile 1,8%, Altri 3,1%.

– Scomponendo il dato a livello di partiti, sempre sostanziale parità tra Pd e Grillo, rispettivamente al 25,0 e 24,9%. Dietro di loro il Pdl al 23,0%, Monti al 9,2%, Lega Nord al 3,9%, SEL al 3,1%, Fratelli d’Italia al 2,2% ed Ingroia all’1,8%

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 17.15 – Arriva anche la terza proiezione di Rai Piepoli; la copertura, ora al 55,1%, conferma quanto detto in precedenza: al Senato in vantaggio la coalizione di centrodestra con Grillo e centrosinistra a seguire.

– Ecco i dati: centrodestra 31,3%, centrosinistra 30,1%, MoVimento 5 Stelle 24,6%, Con Monti per l’Italia 9,4%, Rivoluzione Civile 1,8%, Altri 2,8%.

– Scomponendo il dato a livello di partiti, sempre sostanziale parità tra Pd e Grillo, rispettivamente al 25,5 e 24,6%. Dietro di loro il Pdl al 22,9%, Monti al 9,4%, Lega Nord al 3,8%, SEL al 3,2%, Fratelli d’Italia al 2,1% ed Ingroia all’1,8%.

– Dati molto differenti arrivano, invece, da IPR Marketing dove, con campionamento al 15%, si vede il vantaggio della coalizione di centrosinistra con il 32,0%, centrodestra al 29,7%, Grillo al 24,5%, Monti al 9,1% ed Ingroia all’1,9%.

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 18.50 – Arriva anche la quarta proiezione di Rai Piepoli; la copertura, ora al 76,0 %, non conferma pienamente quanto detto in precedenza: al Senato la partita tra centrosinistra, centrodestra e Grillo rischia di spaccarsi in tre.

– Ecco i dati: centrodestra e centrosinistra 30,7%, MoVimento 5 Stelle 24,5%, Con Monti per l’Italia 9,5%, Rivoluzione Civile 1,8%, Altri 2,8%.

– Scomponendo il dato a livello di partiti, vicinanza tra Pd e Grillo, rispettivamente al 26,5 e 24,5%. Dietro di loro il Pdl al 22,5%, Monti al 9,5%, Lega Nord al 3,8%, SEL al 3,1%, Fratelli d’Italia al 2,2% ed Ingroia all’1,8%.

– Interessante anche la ripartizione di seggi al Senato che, come sappiamo, viene effettuata su base regionale: centrodestra 121, centrosinistra 96, Grillo 65, Centro 19. Niente seggi per Ingroia e per la categoria Altri.

– Si va, quindi, verso una ingovernabilità dal momento che ci troveremmo con una Camera dei Deputati del centrosinistra e con il Senato in mano al centrodestra.

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 19.00 – Sempre molto distanti da quelle di Piepoli le proiezioni di IPR Marketing; qui, con un campionamento al 55,0%, le carte in tavola sono ribaltate.

– Centrosinistra in vantaggio con il 31,9%, centrodestra al 30,5%, MoVimento 5 Stelle al 23,9%, Con Monti per l’Italia al 9,4%, Ingroia all’1,8% ed Altri 2,5%.

– Su base regionale interessante notare come, in Lombardia, al senato il vantaggio è netto per il centrodestra: 37,7% rispetto al 29,9% del centrosinistra. Più indietro Grillo con il 18,0% e Monti con il 9,8%.

– Centrodestra in vantaggio anche in Puglia, Veneto, Sicilia e Campania; il centrosinistra, invece, domina in Piemonte e Calabria. Exploit di Grillo in Sicilia, dove supera la coalizione di centrosinistra.

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 21.10 – Tra circa un’ora potremmo avere il risultato definitivo al Senato; nel frattempo continuano le proiezioni che riguardano, da adesso, anche la Camera dei deputati.

– Al Senato, secondo Piepoli, il vantaggio della coalizione di centrodestra si assottiglia. I seggi, con campionamento all’89,3%, vengono così redistribuiti: 113 al centrodestra, 105 al centrosinistra, 63 al MoVimento 5 Stelle e 20 al Centro.

– Alla Camera, invece, viene dato il centrosinistra in leggero vantaggio; grazie al premio di maggioranza, la coalizione guidata da Bersani avrebbe 345 deputati. Dietro di loro il centrodestra a 121, Grillo a 111 ed il Centro a 45.

– I dati reali che provengono dal Ministero degli Interni vedono, al Senato, su 52,871 sezioni scrutinate sul totale di 60.431 in vantaggio Bersani con il 31,88%; Berlusconi fermo al 30,46%, Grillo al 23,78% e Monti al 9,17%.

– Alla Camera, dove lo spoglio è arrivato a 43.151 sezioni su 61.446, la coalizione di centrosinistra primeggia con il 30,41% dei consensi, davanti al centrodestra che raccoglie il 28,31%. Grillo al 25,51% e Monti al 10,53%. Il risultato definitivo, qui, si saprà poco dopo la mezzanotte.

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 22.15 – Ci siamo quasi; tra pochi minuti si concluderà lo spoglio per il Senato e scopriremo i seggi definitivi assegnati alle quattro coalizioni che entreranno a Palazzo Madama.

– Al Senato, secondo Piepoli, si è ribaltato tutto. In vantaggio, ora, c’è il centrosinistra con il 31,6%, davanti al 30,6% del centrodestra. Grillo raggiunge quota 23,8% e Monti il 9,2%.

– I seggi, con campionamento al 93%, vengono così redistribuiti: 112 al centrodestra, 105 al centrosinistra, 64 al MoVimento 5 Stelle e 20 al Centro. In virtù dell’attuale legge elettorale, quindi, il Senato sarebbe in mano alla coalizione di Berlusconi, mentre alla Camera ci avviamo verso una vittoria, seppur non netta, del centrosinistra di Bersani.

 

AGGIORNAMENTO lunedì 25 febbraio 2013 ore 23.30 – Rispetto a quanto era stato annunciato nel pomeriggio, i risultati definitivi sono in ritardo.

– Al Senato, nonostante con la percentuale di voti, sia in vantaggio il centrosinistra, sarà il centrodestra ad avere più seggi; verosimilmente 113 a 104.

– Discorso più complesso alla Camera dove il centrosinistra ha ora il 29,65% delle preferenze contro il 29,05% del centrodestra.

– Alla Camera il vantaggio di Bersani cala di 5.000 voti ogni 150 sezioni scrutinate. Mancandone poco più di duemila, la nostra ipotesi è che il centrosinistra riesca a vincere con 80/100 mila voti di vantaggio.

 

AGGIORNAMENTO martedì 26 febbraio 2013 ore 00.05 – A poco meno di 700 sezioni da scrutinare, arriva una importante notizia per il Senato.

– Il centrosinistra, avendo vinto in Piemonte per poco meno di 13mila voti, si sarebbe garantito la maggioranza relativa dei seggi, ribaltando i dati delle proiezioni precedenti.

 

AGGIORNAMENTO martedì 26 febbraio 2013 ore 03.10 – In leggero ritardo rispetto all’orario preannunciato, è praticamente terminato lo spoglio dei voti per la Camera dei Deputati. Anche qui le sorprese non mancano:

 

AFFLUENZA: 75,20%  Sezioni scrutinate 61.443 su 61.446

COALIZIONE

VOTI

%

Bersani Pier Luigi

10.046.843

29,54

Berlusconi Silvio

9.922.360

29,18

Grillo Giuseppe Piero

8.687.975

25,55

Monti Mario

3.591.451

10,56

Ingroia Antonio

765.009

2,24

Giannino Oscar Fulvio

380.932

1,12

Elettori = 46.906.343

Voti totali = 34.000.336

 

– Il risultato più eclatante lo inanella il MoVimento 5 Stelle che diventa il primo partito a livello nazionale con il 25,55% di voti; subito dietro il Pd con il 25,41%, mentre il Pdl si attesta al 21,56%. La differenza tra Grillo e Pd è di circa 45mila voti.

– Confrontando i risultati finali della Camera con quelli del Senato si nota che i giovanissimi hanno votato Grillo visto che la differenza, per il leader del MoVimento 5 Stelle, è di circa 1,5 milioni di voti in meno a Palazzo Madama.

 

AGGIORNAMENTO martedì 26 febbraio 2013 ore 03.15 – In netto ritardo rispetto all’orario preannunciato, è terminato lo spoglio dei voti per il Senato della Repubblica Italiana. Le sorprese non mancano:

 

AFFLUENZA: 75,22% – Sezioni scrutinate 60.429 su 60.431

COALIZIONE

VOTI

%

SEGGI

Bersani Pier Luigi

9.686.087

31,63

120

Berlusconi Silvio

9.405.353

30,72

115

Grillo Giuseppe Piero

7.285.261

23,79

58

Monti Mario

2.797.399

9,13

16

Ingroia Antonio

549.966

1,79

Giannino Oscar Fulvio

278.594

0,90

Elettori = 42.271.957

Voti totali =30.616.302

 

– Tra i primi sei leader, solamente il centrodestra, il centrosinistra, il MoVimento 5 Stelle e Con Monti per l’Italia entrano a Palazzo Madama. Non superano lo sbarramento necessario Rivoluzione Civile di Ingroia e Fare per Fermare il Declino di Giannino.

– I seggi definitivi vengono così redistribuiti: 115 al centrodestra, 120 al centrosinistra, 58 al MoVimento 5 Stelle e 16 al Centro. La coalizione di Bersani, in virtù di questi risultati, anche alleandosi con Monti non raggiungerebbe la maggioranza di 158 voti.

– Inevitabilmente, da adesso, si inzierà a parlare di possibili allargamenti di coalizioni. Tradotto, il centrosinistra potrà iniziare le trattative con Monti e lo “scouting” dentro il movimento di Grillo, altrimenti a Palazzo Madama Bersani & Co. non avranno la maggioranza.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

 Leggi anche:

Affluenza elezioni politiche e regionali 24 e 25 febbraio 2013, dettagli ed aggiornamenti costanti

Elezioni politiche 24 e 25 febbraio 2013, modalità, liste, programmi, info utili, sintesi

Elezioni Regione Lombardia 24 e 25 febbraio 2013, programmi, liste, candidati, tutte le info

 

Matteo Torti