Sanzione coro Juventus – Udinese, multati i bambini che occupavano le curve

L’incredibile ed alquanto curiosa multa è arrivata nella giornata di oggi. I “colpevoli” sono proprio quei bambini che durante Juventus-Udinese occupavano le due curve squalificate per i cori di discriminazione territoriale.

 

IL COMUNICATO – Nel comunicato della Lega si legge che la società di corso Galileo Ferraris dovrà pagare 5mila euro di multa per il coro ingiurioso intonato dai bambini U13 al portiere dell’Udinese.

– Una decisione che sicuramente farà discutere e che stona con il bel clima che si era creato allo Stadium in occasione della gara.

 

LA SOTTILE DIFFERENZA TRA SFOTTO’ E INSULTO – Doveva essere la giornata dei bambini e per certi versi così è stato con i giocatori e i piccoli spettatori contenti.

– Si è voluto però colpevolizzare i bambini ospiti delle curve per un coro fatto per emulazione e con la leggerezza della loro età. Lo stadio è divertimento davanti ad una partita, ma anche sfottò e striscioni divertenti. Questa sanzione rischia di essere la dimostrazione di come, anche questa volta, si sia davvero persa una occasione.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Juventus o Torino, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Juventus – Udinese anteprima Serie A, Conte e i suoi verso un crocevia della stagione

Juventus – Copenaghen 3 a 1 Champions League, nel segno del guerriero

Juventus – Copenaghen 2 a 2 Youth League, i bianconeri sbattono contro Vaporakis

Alessandro Gazzera

Foto: Elena Sartori