Scavi Metropolitana Torino, la talpa “Masha” riprende il lavoro

La galleria è in condizioni di poter accogliere un futuro ed eventuale prolungamento verso i comuni di Nichelino e Moncalieri sottopassando la ferrovia.

metroUltimate positivamente tutte le verifiche ed i test di funzionamento delle componenti della TBM (elettroniche, meccaniche, oleo dinamiche, etc…), la talpa Masha” ha ripreso ieri, giovedì 15 Giugno 2017, il suo lavoro di scavo e realizzazione del tunnel della Metropolitana sotto via Nizza da piazza Bengasi fino al retro dell’attuale stazione Lingotto.
Masha percorrerà in totale 1670 metri sotto via Nizza ad una profondità media di circa 20 metri. Raggiungerà la stazione “Italia 61-Regione Piemonte”, supererà il sottopasso Lingotto ad una profondità massima di 25 metri e ultimerà il lavoro fino al retro della stazione Lingotto dove poi verrà estratta definitivamente.
La talpa è lunga complessivamente 100 metri e con un diametro della testa fresante di 7,70 metri. Spostando le sue oltre 400 tonnellate di peso, è in grado di scavare dentro la falda acquifera e realizzare in contemporanea la galleria. Una volta ultimato il lavoro lascia infatti dietro di sé il tunnel pronto per essere allestito per i passaggi dei treni.
Durante la fase di scavo, come avvenuto anche nel precedente tratto, Infra.To utilizzerà un particolare sistema informatico di monitoraggio e supporto alle attività di gestione dello scavo e della costruzione della galleria che permetterà ai tecnici di avere informazioni in tempo reale monitorando la realizzazione del tunnel e gli edifici posti lungo il tracciato.
“Masha”, ad eccezione del primo periodo di partenza dove avanzerà con maggior cautela e con verifiche continue da parte dei tecnici per ottimizzare il comportamento della macchina, una volta a regime sarà in grado di realizzare una media di 12 metri di galleria al giorno lavorando 24 ore su 24. Sul sito www.infrato.it, sarà possibile verificare lo stato di avanzamento lavori della TBM nella sezione “lavori in corso”.
La tratta “Lingotto-Bengasi”, che completerà la linea 1 in direzione Sud dove si attesterà il capolinea, è lunga in totale 1880 metri.
La talpa aveva scavato dal 25 Ottobre 2016 al 16 Marzo 2017 i primi 210 metri di tunnel da piazza Bengasi in direzione del pozzo Terminale posto sul territorio di Moncalieri. Da lì la fresa è stata estratta e riposizionata nella stazione Bengasi da dove riprende il suo lavoro di scavo della galleria fino al retro dell’attuale stazione “Lingotto” dove terminerà il lavoro nel mese di Novembre 2017 e sarà estratta definitivamente.
Il tratto terminale del tunnel già scavato (Bengasi-Pozzo Terminale) permetterà di collocare in questa zona lo scambio per l’inversione dei treni (così come avviene oggi al capolinea Fermi); ciò consentirà di disporre di entrambe le banchine della stazione (anziché una come avviene oggi al capolinea Lingotto) e di sfruttare appieno le potenzialità del sistema Val che – nelle ore di punta – è in condizioni di offrire una frequenza dei treni ogni 69 secondi (anziché gli attuali 105 secondi). Il tratto di galleria in oggetto consentirà inoltre il parcheggio di 3 treni da impiegare prontamente in linea ad inizio servizio o in relazione alle variazioni di esercizio. La galleria è in condizioni di poter accogliere un futuro ed eventuale prolungamento verso i comuni di Nichelino e Moncalieri sottopassando la ferrovia.
Foto: wikipedia.org