Sciopero generale Torino 14 novembre 2014, disagi per i mezzi pubblici

TramVenerdì  14 novembre 2014 si svolgerà uno sciopero del trasporto pubblico su tutto il territorio nazionale indetto dall’organizzazione sindacale USB Lavoro Privato.  La protesta durerà 4 ore e coinvolgerà i vari servizi della GTT.

 

Nel dettaglio:

– Servizio urbano e suburbano della Città di Torino: dalle ore 18.00 alle ore 22.00
– Metropolitana: dalle ore 18.00 alle ore 22.00
– Autolinee extraurbane: dalle ore 18.00 alle ore 22.00
– sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres: dalle ore 18.00 alle ore 22.00

 

Sarà assicurato il completamento delle corse in partenza entro l’orario di inizio dello sciopero.

 

Lo sciopero, si legge nella nota, potrà avere ripercussioni anche sull’operatività dei Centri di Servizi al Cliente e sui diversi servizi gestiti da GTT, con conseguenti possibili disagi per la clientela.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Foto curiosa Torino, lo scatto su un tram zona Mirafiori

Rissa giardini ex GFT corso Vercelli Torino, le foto

Campo nomadi Lungo Stura Lazio Torino, le foto di un lettore: “E’ una discarica, basta!”

Scippi via Borgaro Torino, la rabbia di un residente “Fate qualcosa!”

Di Redazione