Sciopero Rotosud Moncalieri, i lavoratori “Continueremo finchè non otterremo risposte chiare”

scioperoLe RSU e i lavoratori della Rotosud-EnerPrint, azienda sita all’interno dello stabilimento della ex Ilte, impegnata nel settore tipografico, dopo essersi riuniti in assemblea hanno deciso di decretare lo sciopero ad oltranza a cui partecipano tutti i 175 lavoratori.

 

Il motivo della protesta, stando al comunicato reso pubblico dagli stessi operai, sono le: “azioni unilaterali intraprese dall’azienda (la rottura della contrattazione di secondo livello, ndr) e la poca chiarezza sulle prospettive future attinenti alla commessa Seat per i prossimi due anni e le garanzie di tenuta occupazionale dello stabilimento“.

 

I lavoratori hanno iniziato il presidio al di fuori dei cancelli da martedì pomeriggio e continueranno giorno e notte fino a che non avranno le risposte che chiedono. Per dirimere la questione hanno auspicato anche un intervento in sede ministeriale.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Richiesta proroga cassa integrazione Fiat Torino, la Fiom-Cgil: “Mancanza di coraggio”

Presidio CGIL Maserati Grugliasco 10 giugno 2014, motivi e info

Crisi azienda Viberti Nichelino, i dialoghi e le azioni concrete intraprese fino ad ora

Massimiliano Rambaldi