Sequestro phone center Torino corso Regina Margherita, il titolare era in Italia illegalmente

E’ accaduto ieri mattina in Corso Regina Margherita a Torino.

 

Secondo quando spiegato dagli agenti del Presidio di Porta Palazzo della Polizia Municipale,   è stato individuato un phone center abusivo.

 

Una volta ispezionato, l’esercizio è risultato essere senza servizi igienici e privo anche autorizzazione SCIA (la Segnalazione Certificata Di Inizio Attività da trasmettere al Dipartimento del Ministero dello Sviluppo Economico). Inoltre, in base alla documentazione presentata, il locale  avrebbe dovuto essere solamente un fornitore di servizi di comunicazione al pubblico.

 

Alla luce dei fatti riscontrati, l’esercizio è stato sequestrato; nei confronti del suo titolare, di origine senegalese, gli agenti hanno elevato una sanzione di ben 30mila euro e, l’uomo,  è stato anche denunciato per immigrazione clandestina.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Sequestro negozio alimentari corso Brescia Torino, dal latte solidificato, agli sfiatatoi interni della caldaia a gas

Rapina gioielleria via Vandalino Torino, si cerca il rapinatore “maiale”

Ortaggi e gasolio per pagare le prostitute; è successo a Benevagienna, Cuneo: la crisi aguzza “l’ingegno”

Di Redazione