Situazione Innovis Scarmagno, evitata la chiusura

L'accordo prevede il ricorso ai contratti di solidarietà per un anno, prolungabili per un altro anno, la mobilità volontaria e incentivata verso la pensione

FIOMLa Fiom-Cgil rende noto che oggi, giovedì 14 luglio, è stato siglato un accordo alla Innovis di Scarmagno, azienda di call center che occupa 120 dipendenti, che evita la chiusura dell’azienda, così come paventato nelle scorse settimane dalla controllante Comdata.
L’accordo prevede il ricorso ai contratti di solidarietà per un anno, prolungabili per un altro anno, la mobilità volontaria e incentivata verso la pensione e la possibilità di trasferimento di una trentina di addetti (anche in questo caso su base volontaria) in Comdata.
Fabrizio Bellino, responsabile Innovis per la Fiom-Cgil torinese, dichiara: “Si tratta di risultato importante, frutto anche della mobilitazione dei lavoratoi in questi mesi, che garantisce la continuità occupazionale e evita la chiusura dell’azienda”.
Foto: wikipedia.org