Situazione Maserati Grugliasco, chiesta cassa integrazione per il 2016

Si tratta di tre nuove settimane di cassa tra gennaio e febbraio: 25-29 gennaio, 1-5 e 15-19 febbraio.

FIOM LogoLa Fiom-Cgil rende noto che la Maserati ha comunicato ieri mattina, ai rappresentanti sindacali il ricorso alla cassa integrazione anche per l’inizio del 2016, dopo le 4 settimane già effettuate tra novembre e dicembre e la chiusura per le feste fino all’11 gennaio. Si tratta di tre nuove settimane di cassa tra gennaio e febbraio: 25-29 gennaio, 1-5 e 15-19 febbraio. Considerando che a Grugliasco il lavoro riprenderà l’11 gennaio, significa che la produzione è ridotta del 50%. Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom-Cgil, e Edi Lazzi, responsabile della Maserati per la Fiom-Cgil,dichiarano: “Purtroppo l’inizio del 2016 conferma la contrazione di Ghibli e Quattroporte: a fine 2015 scenderanno a circa 26 mila vetture prodotte, rispetto alle 36 mila del 2014, con un calo del 30%. Per i lavoratori significa altri sacrifici, dopo che già nel corso del 2015 sono state effettuate mediamente 70 giornate di cassa a testa. È chiaro che una strategia tutta orientata all’esportazione è fortemente esposta al deterioramento della congiuntura internazionale, la cui evoluzione è peraltro difficile prevedere. Speriamo almeno che il Suv Levante parta nei tempi annunciati”. Foto in evidenza: wikipedia.org