Situazione Sfm1 Chieri-Rivarolo, anche l’Uncem protesta

Anche l'associazione Uncem, che riunisce i comuni montani, si unisce alla battaglia dei sindaci dei comuni toccati dalla tratta della Sfm1

Anche l’associazione Uncem, che riunisce i comuni montani, si unisce alla battaglia dei sindaci dei comuni toccati dalla tratta della Sfm1 Chieri-Rivarolo, tra cui quelli di Trofarello e Moncalieri. Dopo la lettera inviata nei giorni scorsi all’agenzia sulla sicurezza delle linee ferroviarie, anche le associazioni del territorio si muovono per fare “massa critica” e ampliare il parco di chi protesta. “Sono troppi i mesi di attesa per lavori di adeguamento della tratta ferroviaria che risultano già finanziati – si legge nella nota Uncem -, troppa burocrazia oggi complica i sistemi di relazione, comporta ritardi e limitazione delle corse, anche nella velocità dei convogli. Torino, le sue valli, gli utenti tutti, hanno bisogno di certezze e garanzie. Nei tempi di intervento prima di tutto. I Sindaci vogliono un rapporto di piena fiducia con chi eroga i servizi. Chiedono concertazione e dati certi. Informazioni puntuali e potenziamento dei servizi. Per questo, Uncem si unisce a queste e ad altre richieste che verranno fatte nelle opportune sedi, del gestore del servizio piuttosto che dall’Agenzia, ovvero ancora presso la Regione Piemonte. Auspichiamo in tempi rapidi si adottino soluzioni e gli utenti percepiscano un miglioramento dei servizi di mobilità”.
Ieri, nel frattempo nuovi ritardi delle linee e cancellazioni di treni, proprio nell’orario di uscita dal lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here