Smartphone rubato treno Roma-Torino, fermato 46enne

L'uomo è stato denunciato per furto aggravato e messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione della locale Questura

Il fatto è accaduto nella mattinata di sabato, 27 gennaio su di un treno Intercity notte proveniente da Roma e diretto a Torino Porta Nuova. A bordo, erano presenti tre Agenti del Nucleo Scorte del Compartimento Polfer Piemonte e Valle d’Aosta che, tutti i giorni, nell’ambito di un più ampio programma di scorte stabilito a livello nazionale, garantisce la presenza di proprio personale su quel treno.
Secondo quanto spiegato, appena passata la stazione di Asti, ultima fermata prima di arrivare a destinazione, gli Agenti sarebbero stati informati da un passeggero di essere stato derubato del telefono cellulare.
In base a quanto appurato, il malcapitato ha spiegato che, mentre riposava nello scompartimento, un altro viaggiatore, evidentemente svegliato dai rumori,  avrebbe visto un uomo frugare tra i suoi effetti personali e allontanarsi con il suo smartphone.
Immediatamente, gli Agenti, messisi alla ricerca del soggetto, lo avrebbero rintracciato: si tratterebbe, infatti, di un pluripregiudicato 46enne cittadino senegalese, in Italia senza fissa dimora, riconosciuto senza ombra di dubbio dal testimone; l’uomo, però, si era già sbarazzato del telefono.
Gli operatori di Specialità non hanno lasciato perdere, però,  e dopo aver perlustrato l’intero convoglio, hanno ritrovano lo smartphone nei cestini dello scompartimento attiguo a quello occupato dall’arrestato.
Una volta giunto il treno a Torino, l’uomo è stato accompagnato presso gli Uffici del Settore Operativo di Porta Nuova per le incombenze di rito e, successivamente, sottoposto a foto-segnalamento presso il locale G.I.P.S..
L’uomo è stato denunciato per furto aggravato e messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione della locale Questura, che ne ha disposto l’accompagnamento presso il CPR del capoluogo per il successivo avvio delle procedure di espulsione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here