Sparatoria corso Moncalieri Torino, strada bloccata per ore, la spiegazione del caos

PoliziaE’ successo lo scorso sabato 8 febbraio intorno alle 17 in corso Moncalieri. Gli agenti della polizia hanno affrontato in uno scontro a fuoco un noto pregiudicato di 41 anni. Bloccato dopo un inseguimento partito dal centro città, l’uomo ha minacciato di uccidersi e ha puntato poi l’arma contro gli agenti, mentre cercava di rubare una Volante. Nella sparatoria che ne è seguita, il malvivente è stato colpito alla testa ed è morto sul colpo.

 

LA TENTATA RAPINA IN VIA GARIBALDI – Nel primo pomeriggio una commessa allerta la sicurezza, insospettita dal comportamento di un uomo che si aggira furtivo nel negozio dove la donna lavora.

– Interviene il personale di sicurezza che tenta di allontanare il malvivente. Questi, invece, con le armi riesce a costringere una guardia giurata ad accompagnarlo nella fuga, a bordo dell’auto di servizio. Non si accorge, però, che nel frattempo viene allertato il 113: intervenuta prontamente una pattuglia, gli agenti partono all’inseguimento dell’Opel Corsa su cui viaggiano il rapinatore e il suo ostaggio.

 

L’INSEGUIMENTO – Secondo quanto ricostruito, durante l’inseguimento l’uomo contatta per telefono una coppia di amici, dando loro appuntamento di fronte alla Basilica della Gran Madre.

– Una volta giunto alla fine di Piazza Vittorio, il criminale rilascia la guardia giurata restituendole l’auto e la pistola di servizio, scarica.

– Di fronte alla Gran Madre, il malvivente incontra i due amici e fugge sulla loro auto, una Fiat Multipla di colore scuro. I tre si dirigono verso la collina, inseguiti dalle auto della polizia.

– Secondo quanto riportato dagli agenti di turno quel pomeriggio, il rapinatore tenta allora di depistare gli inseguitori, riportandosi su Corso Moncalieri. Qui viene costretto a fermarsi, bloccato dalle Volanti, di fronte ad un supermercato Simply.

 

LA SPARATORIA – Accerchiati, i tre scendono dalla Multipla: la coppia contattata poco prima dal malvivente resta con le mani bene alzate in segno di resa. L’uomo, al contrario, rivolge contro di sé le sue due pistole.

– “Se vi avvicinate mi ammazzo”, avrebbe allora urlato il rapinatore. A quel punto, si sarebbe diretto verso una delle Volanti, nel tentativo di rubarla e fuggire.

– Secondo quanto ricostruito, gli agenti allora si avvicinano all’uomo che, sentendosi braccato, apre lo scontro a fuoco.

– Il malvivente viene colpito alla testa. Vani i soccorsi chiamati subito dai poliziotti presenti: l’uomo muore sul colpo.

– Interrogati nel pomeriggio in Questura, gli amici del malvivente dichiareranno la loro totale estraneità ai fatti e saranno rilasciati solamente in tarda serata.

 

LA PAURA DEI PASSANTI– Nello scontro a fuoco, rimangono coinvolti anche alcuni passanti che stavano uscendo dal supermercato. Attimi di terrore per tutti, costretti a buttarsi a terra in quella che pare una vera e propria scena da film d’azione.

– I presenti racconteranno alla polizia di una donna che, durante la sparatoria, cerca di uscire dal supermercato e verrà subito bloccata dagli agenti. La donna, infatti, aveva lasciato il figlio di quattro anni nell’auto parcheggiata proprio sul luogo dello scontro a fuoco. Fortunatamente, riportano testimoni e poliziotti, ad entrambi resterà solo un brutto ricordo dell’accaduto.

 

LA CITTA’ BLOCCATA FINO A TARDA SERA – Brutto ricordo anche per i torinesi, rimasti bloccati in auto fino a tarda sera.

– Di fronte al supermercato Simply, situato tra i ponti Umberto e Isabella, il corpo del malvivente rimane coperto da un lenzuolo fino alle 21.

– Corso Moncalieri, una delle principali arterie del traffico che da fuori città arriva sino in centro, rimane chiuso per tutta la durata delle operazioni della polizia scientifica. Il corso è pieno di ambulanze, auto della polizia e dei vigili, mentre attorno il traffico del sabato sera si ingolfa.

– Bloccati così anche gli altri accessi al centro, presi d’assalto dalle auto provenienti dalla periferia e dall’hinterland torinese.

– Chi resta bloccato per più di sei ore in corso Moncalieri esprime duramente rabbia e frustrazione. Per tutta la serata, il centralino dei vigili verrà sommerso di proteste da parte dei cittadini. Solamente domenica mattina, infatti, le autorità daranno spiegazioni riguardanti l’accaduto.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Cittadinanza italiana agli stranieri: TAR Piemonte dice no se l’immigrato ha maltrattato la moglie

Arresto donna stalker Chieri Torino, 46enne perseguitava ex fidanzato e nuova compagna

Arresto stalker Bruino, maltrattamenti continui contro la ex convivente e non solo

 

 Vera Prada